Prima PaginaPolitica

La risposta della Lombardia: il referendum per l’ Autonomia

Martedì 17 Febbraio 2015 il Consiglio Regionale ha approvato la proposta di referendum per l’autonomia della Lombardia! Si tratta di una consultazione per chiedere ai cittadini della Lombardia se desiderano per la nostra Regione maggiore autonomia e più risorse per il territorio. Lo scopo di questo referendum è di rendere la Lombardia simile alle regioni a Statuto speciale, per trattenere sul territorio le risorse prodotte dai cittadini lombardi, per abbassare le tasse e per garantire servizi migliori.

Annunci

Perché un referendum? E’ vero che costerà 30 milioni di euro? Perché non  trattare direttamente con lo Stato?

Il referendum è lo strumento principe della democrazia. Se supportata dal Popolo lombardo la richiesta di maggiore autonomia acquisterà un grande peso. Lo Stato centrale non potrà ignorare la volontà di milioni di cittadini e sarà costretto a tenerne conto nelle trattative con la Lombardia per definire i termini dell’autonomia e la quantità di risorse in più da trattenere sul nostro territorio.
Le spese per organizzarlo si ridurranno notevolmente per la possibilità di abbinare il referendum ad altre elezioni (politiche o amministrative) e per l’introduzione del voto elettronico. C’è da domandarsi invece quanto costerebbe non fare questo referendum, alla luce del taglio da 1 miliardo di euro alla Lombardia voluto dal Governo a guida PD.

Annunci

Secondo il PD la Regione, per avere più autonomia, dovrebbe intavolare una trattativa diretta con lo Stato, senza passare dal referendum. Da un lato è vero che la Costituzione prevede questa possibilità, dall’altro però non possiamo fidarci di un Governo che ha dimostrato ampiamente di non rispettare gli accordi presi, tagliato pesantemente i trasferimenti alla Lombardia e che sta portando avanti una riforma centralista che va nella direzione diametralmente opposta.

Annunci

Ma cosa prevede la riforma della Costituzione in discussione in parlamento?

La riforma riporterà importanti poteri, oggi in capo alle Regioni, allo Stato centrale, determinando così un ritorno verso un forte centralismo statale. Le correzioni apportate al Titolo V prevedono meno competenze alle Regioni, in quanto le Regioni ordinarie vengono completamente spogliate del potere legislativo concorrente.

L’art. 116 della Costituzione prevedeva la possibilità di chiedere ulteriori forme di autonomia sulle materie concorrenti (commercio con l’estero, tutela e sicurezza del lavoro, istruzione, professioni, ricerca scientifica, tutela della salute, protezione civile) nonché alcune materie specifiche. Ora il nuovo testo riporta solamente alcune materie, togliendo quelle concorrenti previste dall’art 117. Ma la circostanza negativa maggiore è che “su proposta del Governo, la legge dello Stato può intervenire in materie non riservate alla legislazione esclusiva quando lo richieda la tutela dell’unità giuridica o economica della Repubblica, ovvero la tutela dell’interesse nazionale”.

Annunci

Insomma, lo Stato centrale può di fatto in qualunque momento invocare una ragione anche di carattere economica per invadere con le proprie leggi le competenze regionale senza che le Regioni possano dire nulla. Ad esempio, si potrebbero verificare situazioni in cui lo stato, in materia di salute aumenta i ticket sanitari per fare cassa a livello regionale e coprire un buco creato dallo Stato centrale, oppure decidere sulla mobilità interna regionale, aumentando il costo dei biglietti. Di fatto, oltre a togliere ulteriori competenze alle Regioni, viene sancito il potere assoluto di Roma su qualsiasi autonomia locale.

Anche la riforma del Senato, spacciata come riforma federalista per l’introduzione del Senato delle autonomie, è in realtà una fregatura. La Camera dei deputati sarà infatti titolare del rapporto di fiducia con il Governo ed eserciterà la funzione di indirizzo politico, la funzione legislativa e quella di controllo dell’operato del Governo. Mentre il cosiddetto senato delle autonomie non servirà a nulla, in quanto avrà funzioni molto limitate senza la possibilità di incidere sull’attività legislativa o sul Governo stesso. Insomma, non è bicameralismo, non è monocameralismo, non è un sistema Federale, ma è un pasticcio.

Referendum: chi vota,quando si vota e qual è il quesito

Tutti i cittadini maggiorenni residenti in Lombardia avranno diritto a potersi esprimere sul referendum di autonomia e saranno chiamati al voto entro 18 mesi, come specificato nel testo ratificato dall’aula. Il quesito che è stato approvato in Regione Lombardia, con un’ampia maggioranza è questo:
“Volete voi che la Regione Lombardia, nel quadro dell’unità nazionale, intraprenda le iniziative istituzionali necessarie per richiedere allo Stato l’attribuzione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, con le relative risorse, ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 116, terzo comma della Costituzione?”

Nota della redazione
I giornalisti di Co Notizie News Zoom lavorano duramente per informare e seguono l'evoluzione di ogni fatto. L'articolo che state leggendo va, però, contestualizzato alla data in cui è stato scritto. Qui in basso c'è un libero spazio per i commenti. Garantisce la nostra libertà e autonomia di giornalisti e il vostro diritto di replica, di segnalazione e di rettifica. Usatelo!Diventerà un arricchimento della cronaca in un mondo governato da internet, dove dimenticare e farsi dimenticare è difficile, ma dove la verità ha grande spazio.
Avatar photo

Fabrizio Cecchetti

Sono nato il 3 dicembre 1977 a Rho (MI) e sono stato consigliere comunale a Rho della Lega Nord dal 1998. Conduttore di RPL, ho collaborato con la rivista Angeli Press, pubblicazione del terzo settore e del volontariato sociale. Rieletto consigliere regionale nel 2013, ho ricoperto la carica di Vice Presidente del Consiglio regionale della Lombardia. Eletto deputato nel 2018 sono vicecapogruppo vicario della Lega alla Camera.

Commenti, repliche e rettifiche. Scrivi qui quello che hai da dire.