Pallacanestro: se fai canestro a Castano Primo ti sommergono di Teddy bear

La Pallacanestro Stella Azzurra aderisce all’iniziativa “Teddy Bear Toss”. Il Teddy Bear Toss è un​’​iniziativa benefica, mutuata dal mondo dell’hockey professionistico americano.

Pubblicità

Pallacanestro: se fai canestro a Castano Primo ti sommergono di Teddy bearDurante la partita Stella Azzurra – Marcallo in programma per Giovedi 18 dicembre ore 21.30 presso la palestra di Via Giolitti, gli spettatori saranno invitati a portare dei pupazzi di peluches, che verranno lanciati in campo al primo canestro realizzato dalla Stella Azzurra. Il “Teddy Bear Toss” ha anche ricevuto il sostegno dell’associazione Peter Pan onlus che offre accoglienza gratuita ai bambini vittime di neoplasie ed alle loro famiglie. Tutti i pupazzi raccolti verranno consegnati presso il reparto di Pediatria dell’ospedale di Legnano, il giorno 23 dicembre, dai giocatori e dallo staff della Pallacanestro Stella Azzurra.

Pubblicità

agroalimentari a filiera corta Cooperativa del Sole

Portate amici, parenti…tante persone anche non appassionati al Basket, è per i bambini!!
Questo recitava un post scritto sulla pagina della società Mercoledi, proponendo il lancio di alcuni pupazzi, i Teddy Bear, da portare poi all’ospedale di Legnano per il reparto di pediatria, a quei bambini meno fortunati, cosi da strappargli un sorriso in più.
E cosi è stato: dopo essersi messi d’accordo con direttore di gara, e dopo aver ricevuto l’autorizzazione dalla federazione, al primo canestro della squadra di casa, ben 88 peluche sono volati in campo, lanciati da piccoli e non.

teddy bear youtubeSuccessivamente tutti insieme si sono movimentati per raccoglierli in alcuni scatoloni che il 23 saranno portati all’ospedale. Una bella iniziativa , che prende esempio da altre realtà superiori (campionato di serie B, hockey americano ecc)e che da un forte segnale di solidarietà… Un video esempio di quello che può’ succedere.

Pubblicità

Giorgio Sperelli

Giorgio Sperelli

Abito a Castano Primo da qualche anno. Sono fuggito dal caos e dall'insicurezza della grande città per cercare la tranquillità. Non voglio più scappare. Adesso, scappino gli altri.

Commenta qui