Nemmeno Inveruno si salva dai furti in appartamento

Nemmeno inveruno si salva dai Furti in appartamentoSe per un qualche strano motivo avete pensato che Inveruno si fosse salvata dal problema dei furti in appartamento sbagliate di grosso. Infatti  poche ore fa arrivata la notizia in via Botticelli c’è stato un tentativo di furto, che fortunatamente è andato a vuoto anche se ha causato molto spavento e molto allarme. Non è infatti il primo tentativo e la gente di Inveruno si lamenta del fatto che girano molti ladri.

Pubblicità

“A Inveruno girano i ladri, hanno cercato di entrare vicino alla zona per andare verso Cuggiono, e già l’anno scorso in questo periodo avevano fatto razzia, staranno qui tra Inveruno-Cuggiono-Ossona” dice uno dei residenti, molto preoccupato. In effetti nel momento in cui si avvicinano le feste di Natale c’è una tendenza all’aumento ei furti e dei tentativi di furti nei luoghi che non sono protetti. Generalmente infatti il ladro non ama fare fatica, altrimenti, come è ovvio si cercherebbe un posto di lavoro. Invece cerca sempre di colpire la vittima più facile nel luogo più facile. Questo rende villette e appartamenti ai piani bassi molto più appetibili dal punto di vista del ladro, che nel contempo è scoraggiato dalla presenza di allarmi, dalle zone sorvegliate o dove comunque c’è un’ampia presenza di forze dell’ordine e di passaggio.

Pubblicità

Bed & breakfast La Scala a Rho

Infatti si crede che il ladro, in genere, non sia solo difficile da prendere, ma che sia anche lasciato andare fin troppo facilmente dai giudici che lo processano. Qualche volta è anche vero, ma a nessun ladro piace che la polizia conosca la sua faccia e le sue impronte digitali perchè magari  riesce a farla franca la prima volta che viene arrestato, ma non le seguenti, perciò cerca di evitare problemi e la sua arma migliore è al fuga e la scelta di un obietivo meno difficile. Quindi, se durante le festività di Natale i furti in appartamento aumentano, è una situazione che  molto probabilmente è dovuta al fatto che diminuisce la sorveglianza.

Maila

Maila

Metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker radiofonica. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una giornalista, e una Web and Seo Editor Specialist

Commenta qui