Corbetta festeggia e saluta il suo diacono, don Paolo Zibra

Il diacono don Paolo Zibra

La Città di Corbetta è in attesa di festeggiare e salutare il suo diacono, don Paolo Zibra. Il 12 giugno, nel Duomo di Milano, si terranno infatti le ordinazioni presbiteriali. “Sono nato il 26 aprile 1984 a Casorate Primo ma sono originario di Besate. La Provvidenza si è particolarmente ‘divertita’ con me perché il III e il IV anno di Seminario li ho vissuti in servizio nella Parrocchia di Casorate Primo e nelle parrocchie dell’Unità di Pastorale Giovanile di Casorate Primo, Motta Visconti, Moncucco e Pasturago di Vernate (2017-2019, prima dell’arrivo a Corbetta)”. A Corbetta don Paolo si è fatto particolarmente apprezzare per il modo diretto e semplice con il quale è entrato in sintonia con i parrocchiani.

paolo zibra Corbetta Corbetta festeggia e saluta il suo diacono, don Paolo Zibra
Il pellegrinaggio dei diaconi da Papa Francesco, fonte facebook Seminario Arcivescovile di Milano

Come e quando è maturata la consapevolezza di voler servire Dio come sacerdote? “E’ stata una consapevolezza graduale mediante una rete di incontri: dagli studi ad Abbiategrasso (ITC Bachelet), a 10 anni di lavoro a Milano come impiegato amministrativo in una piccola ditta ed in una multinazionale, al servizio educativo nell’Oratorio di Besate e nel decanato di Abbiategrasso, nel volontariato presso il Gruppo Disabili ‘Antonio Marazzi’ dell’Oratorio San Gaetano di Abbiategrasso – risponde – Tanti incontri, nomi, volti che mi rimandavano a cercare e a seguire l’unico volto per il quale vale la pena di dare la vita: quello del Signore Gesù”.

Dopo l’ordinazione sacerdotale rimarrà a Corbetta o sarà affidato ad altre parrocchie? Se sì, è già nota la destinazione e il ruolo che ricoprirà? “Dopo l’Ordinazione vivrò alcuni giorni in famiglia – spiega don Paolo – Il 20 giugno celebrerò Messa a Corbetta presso l’OSAL; il 24 giugno, festa di S. Giovanni Battista, l’Arcivescovo ci convocherà in Duomo per comunicarci le nuove destinazioni pastorali per i primi anni di presbiterato”. 

Cosa, di Corbetta, è rimasto nel suo cuore? “Di Corbetta porto tantissime relazioni: nomi, volti, storie di ragazzi, adolescenti, giovani, famiglie, anziani – confida – Corbetta è una città ancora a misura di paese ed è ricca di numerose risorse, di generosità, di volontariato. Sarebbe un grave peccato non valorizzarle al meglio, specialmente in questi mesi (ci auguriamo) di ripresa.

Culture digitali

Qual’ é l’augurio più grande che per il futuro e per quello che sarà il suo ministero sacerdotale? “A Corbetta, che saluto, auguro di far tesoro e di tendere insieme (comunità religiosa e civile) a valori alti  come quelli del Vangelo di Gesù, declinati nella vita di ogni giorno – conclude – Per quanto mi sarà dato di ricevere e vivere, metto tutto nelle mani del Signore e confido nella preghiera di tanti Corbettesi e, specialmente, mi affido all’intercessione della Madonna dei Miracoli”.

Cristina Garavaglia 1091 Articoli
Giornalista

commenta

Scrivi qui cosa ne pensi, rettifica, replica, aggiungi, ecc. ecc.