Lettera a Giuseppe Conte. “Non puoi impedirci di vedere i nostri cari e poi dirci che possiamo andare dal fiorista”

giuseppe Conte

Oggi, nella casella della Redazione di Co Notizie News ZOOM, è arrivata una lettera indirizzata a Giuseppe Conte. E’ di Eleonora, una nostra lettrice. I giornali effettuano anche il servizio pubblico di postini, quando si tratta di dar voce a chi ha diritto ad essere ascoltato ma scarse possibilità di vederselo riconosciuto.

Pubblicità

Eleonora è una donna che, insieme al suo compagno Giovanni, sta lottando per mantenere la sua famiglia. Tramite le nostre pagine sta inviando un messaggio al presidente del consiglio Giuseppe Conte. E’ una lettera rappresentativa di quello che molte persone, oggi, in Italia, pensano, e contemporaneamente urlano. Nessuno però li prende, concretamente, in considerazione.

Pubblicità
  • Vittoria acconciature ed estetica

  • funerali Lista

  • Bed & breakfast La Scala a Rho

Una voce che deve arrivare lontano

Però, la loro voce arriva poco lontano. Non sfiora neppure le scalinate degli stipendifici dei ministeri romani, quindi penso meriti l’attenzione perlomeno mia e della rete e la pubblico, così com’è, in tutta la sua naturalezza e con tutta la disperazione che ne traspare, nella nostra rubrica delle lettera al direttore

Pubblicità

Lettera a Giuseppe Conte
Gli appunti, scritti a mano, della lettera di Eleonora a Giuseppe Conte

A Giuseppe Conte, da Eleonora

Buongiorno Presidente Giuseppe Conte,
Volevo dire che purtroppo la situazione economica è messa molto male. Abbiamo necessità di lavorare tutti, altrimenti non si va avanti. Anche le aziende ne risentono pesantemente. Il lockdown ha solo peggiorato le cose e, permetta che lo dica apertamente, non va bene. Anche se so che lei non la pensa così, io lo dico lo stesso.
Questo maledetto virus non ci voleva. Spero vivamente non si rifaccia ancora un altro lockdown.

Pubblicità

GT Consulting

Ridateci la nostra Libertà

Ridateci la nostra libertà. La vita è una sola e va vissuta. Non dobbiamo neanche essere prigionieri e vivere nel terrore psicologico e con la paura di fare ogni cosa, anche la più banale. Non è ammissibile privarci degli affetti più cari e poi dirci, ad esempio, che si può andare dal fiorista e parrucchiere. Se una persona ha difficoltà economiche, non gliene frega nulla del fiorista. Non è una cosa indispensabile…ce ne sono ben altre.

Pubblicità
  • Culture digitali

  • arte del dolce
    L’arte del dolce

Natale e le festività sono ormai vicine

Natale e le festività sono oramai vicine. Mi auguro almeno in queste occasioni ci si possa riunire , ritrovare, rivedere. La Pasqua è già stata pessima, almeno il Natale sia un attimo migliore. Non credo che a lei, Signor Presidente Giuseppe Conte, avrebbe fatto piacere passare la Pasqua come l’hanno passata il resto degli italiani. Potersi vedere solo in videochiamata, direi che è aldilà dell’osceno! Non è vita questa! E’ condannare a morte le persone, ucciderle. Basta! Non se ne può più di tutto questo. Libertà, Libertà! Date il lavoro alla gente. Spero abbia modo di leggere la mia lettera, signor Presidente. E spero anche in un futuro migliore. Saluti. Eleonora

Pubblicità
  • Vittoria acconciature ed estetica

  • Bed & breakfast La Scala a Rho

  • GT Consulting

Ilaria Maria Preti 4529 Articoli
Metà Milanese e metà Mantovana, sono il Direttore responsabile di Co Notizie -Zoom News. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker di Radio Padania libera. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Editor Specialist

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi, rettifica, replica, aggiungi, ecc. ecc.