Sembrano mascherine mediche “tipo Kn95” ma sono patacche cinesi

La denuncia relativa ad un dispositivo non medico fornito invece al personale mefico arriva non da una consumatrice qualunque ma da Carmela Rozza consigliera regionale del Pd. Ad alcuni medici sono arrivate mascherine che sembrano in tutto e per tutto “tipo Kn95” per intenderci (usate negli ambulatori o nelle corsie di ospedale per preservare ulteriormente il personale sanitario) ma NON SONO A USO MEDICO. Che significa? Che sono patacche per l’uso che se ne deve fare, sono cioè realizzate in modo da sembrare esteticamente come quelle Kn95 ma in realtà contengono un materiale diverso?

Pubblicità


“Dagli ambulatori milanesi arriva un allarme per la fornitura di mascherine inviate da Ats, non conformi all’uso medico come scritto sulle stesse confezioni”, annuncia Rozza facendosi portavoce della categoria dei sanitari. Le mascherine in questione sono di fattura cinese, sono indicati per uso civile e la confezione da 10 porta la scritta in inglese “non-medical protective mask”, sebbene il loro nome, Kn95, coincida con la classificazione di mascherine altamente protettive e adatte, queste sì, ad uso medico. Per i medici oltre al danno la beffa.

Pubblicità
  • Bed & breakfast La Scala a Rho

  • funerali Lista

  • Vittoria acconciature ed estetica

Si trovano soprattutto comprando on line e quindi è meglio fare attenzione! Qual’e’ la l’inghippo quindi? Di per sé le mascherine filtrano ma no secondo gli standard a cui il compratore è indotto a pensare in base allo stile del prodotto.

Pubblicità

Pubblicità
  • Vittoria acconciature ed estetica

  • Bed & breakfast La Scala a Rho

  • GT Consulting

Cristina Garavaglia 789 Articoli
Giornalista

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi, rettifica, replica, aggiungi, ecc. ecc.