Arrestato trans brasiliano che rapinava gli automobilisti allo stop

polizia
Foto di repetorio

Milano. Cosa faresti se, fermo allo stop, o in attesa di qualcuno,un uomo vestito da donna saltasse nella tua auto, ti minacciasse con un coltello e ti chiedesse dei soldi? E’ successo a 4 uomini a Milano, 4 innocenti che nulla avevano a che fare con i trans.

Pubblicità

funerali Lista

Il trans, o meglio il brasiliano 34enne irregolare sul territorio italiano accusato di aver compiuto, in questo modo, 3 rapine è stato arrestato giovedì 12 novembre. Una volta identificato, i poliziotti lo hanno portato in carcere, a san Vittore, su ordine del G.I.P. del tribunale di Milano. Un arresto cautelare, perchè il brasiliano avrebbe potuto reiterare all’infinito le rapine, mentre era in attesa del processo. Gli agenti del Commissariato Bonola lo hanno rintracciato nei pressi di piazzale Segesta.

Pubblicità

Bed & breakfast La Scala a Rho

Saltava nelle auto armato di coltello

Le indagini sono partite dal commissariato Bonola, dove alcuni automobilisti avevano presentato le denunce tra il maggio e l’agosto scorsi. Tre rapine in cui le vittime raccontavano la stessa storia. Un uomo, vestito da donna, era improvvisamente salito dal lato passeggero della loro auto, li aveva minacciati con un coltello, rapinati e costretti ad accompagnarlo da qualche parte.

Pubblicità

La rapina di via Falk

La prima denuncia è stata sporta da un 45enne italiano che ha raccontato che, lo scorso 24 maggio, alle 3.30 stava rientrando a casa quando, in zona Qt8 è stato avvicinato dall’indagato, vestito da donna, che è saltato a bordo della sua automobile. Poi il trans ha minacciato l’automobilista con un coltello, e lo ha minacciato di bucargli le gomme. Si è quindi fatto consegnare 50 euro e, sempre sotto al minaccia del coltello, ha obbligato l’automobilista ad accompagnarlo in piazza Zavattari dove, prima di scendere dall’automobile, gli ha portato via anche lo smartphone.

Pubblicità

gt consulting di Manuele Trentarossi

La rapina in via Capelcerato

Il 31 luglio, verso le 10.30, un italiano di 63 anni aveva accompagnato un parente all’istituto don Gnocchi di via Capelcelatro e stava attendendone l’uscita dalla visita medica. Era seduto in automobile, e stava leggendo un libro quando si è avvicinato il brasiliano vestito da donna. Ha chiesto informazioni sul tipo di lettura e, avuta una risposta garbata dal 63enne, è salito a bordo dell’auto. Il conducente gli ha intimato di scendere immediatamente, altrimenti avrebbe chiamato la polizia. Il brasiliano si è innervosito, ha estratto un coltello dalla borsa e si è fatto consegnare 120 euro prima di scendere e dileguarsi.

Pubblicità
  • Culture digitali

La rapina in via Salmoiraghi

L’ultimo episodio contestatogli, infine, è avvenuto lo scorso 22 agosto a mezzanotte e 40. Un 51enne italiano era fermo allo stop in via Salmoiraghi. Il brasiliano ha aperto al portiera ed è saltato dentro l’automobile. L’automobilista lo invita immediatamente a scendere. Il brasiliano si rifiuta e gli urla “io non scendo, accompagnami in piazzale Loreto. Sono brasiliano, ho un coltello e non farmi arrabbiare”.
L’automobilista vittima della rapina, sotto la minaccia del coltello, lo ha accompagnato. Poi il brasiliano lo ha fatto scendere dall’auto e si è fatto consegnare 30 euro.

Commenti Facebook
Pubblicità
  • Vittoria acconciature ed estetica

  • Bed & breakfast La Scala a Rho

  • gt consulting di Manuele Trentarossi

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 4806 Articoli
Metà Milanese e metà Mantovana, sono il Direttore responsabile di Co Notizie -Zoom News. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker di Radio Padania libera. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Editor Specialist

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi, rettifica, replica, aggiungi, ecc. ecc.