Panoramica Covid nel Magentino

La premessa resta quella dell’indubbia circolazione del Covid-19, dell’essere alle prese con la seconda ondata del virus in Italia e della necessità di mettere in atto le misure di sicurezza per evitare che il contagio si diffonda. La seconda premessa è che abbiamo cercato di capire l’incidenza percentuale del virus a Corbetta, Magenta e dintorni. A tal fine ci siamo basati sui dati ufficiali degli ultimi 5 giorni (per poter parlare di andamento) che sono stati comunicati (in alcuni casi anche in diretta video) dalle Amministrazioni comunali.

Pubblicità

La terza, non meno importante, è che in tutte le statistiche si parla sempre e comunque di POSITIVI=SINTOMATICI E ASINTOMATICI non si fa quindi una distinzione di categoria, anche se il numero dei sintomatici resta per fortuna minore.

Pubblicità

Bed & breakfast La Scala a Rho

Numeri in crescita ma contenuti

Negli ultimi 10 giorni il numero di contagi si è alzato, tanto che è stato re-introdotto da parte del Governo centrale un lockdown simile a quello dello scorso marzo nelle Regioni considerate come zona rossa: tra queste la Lombardia. I numeri delle terapie intensive si riferiscono spesso a peggioramenti di malati sintomatici e cioè a persone che hanno contratto il virus molto prima rispetto alla settimana appena conclusa. Lo stesso discorso vale per i decessi, dietro ai quali c’è spesso “un’agonia” di giorni, se non settimane e il ricovero in terapia intensiva. I ricoverati per Covid-19 nel Magentino e Abbiatense sono attualmente 187 e più di 40 di essi sono ricoverati con il “casco” che permette di respirare meglio.

Pubblicità

Tuttavia la situazione tra Corbetta, Magenta e dintorni appare al momento migliore rispetto ad altre zone regionali (Milano, Varese, Como) dove si parla di veri e propri focolai. Nel Magentino e per i Comuni considerati nella nostra indagine, la percentuale di contagiati (sintomatici e non) è un po’ ovunque ferma all’1,34% nella peggiore delle ipotesi, così come gli ospedalizzati e i decessi non arrivano neppure allo 0,1%. Ecco allora che non bisogna abbassare la guardia proprio per evitare un peggioramento della situazione. Di seguito i dati puntuali.

Pubblicità

gt consulting di Manuele Trentarossi

Corbetta

Su una popolazione di 18.517 abitanti al 31 dicembre 2019, i positivi al Covid-19 sono 247 pari cioè all’1,34% del totale dei residenti al 31 dicembre 2019. Gli attuali ospedalizzati sono 15 cioè lo 0,08%. Di questi, 2 sono in terapia intensiva e cioè lo 0,02%. I decessi sono 3 pari allo 0,02% e i guariti sono 15. Si parla inoltre di 537 persone in isolamento fiduciario, cioè persone che sono state a contatto con positivi e che restano in quarantena. Per loro non è scontatoil fatto di svilupperare la malattia. I dati sono stati forniti anche dal sindaco Marco Ballarini l’8 novembre 2020.

Pubblicità
Pubblicità

Cisliano

Su un totale di 4.876 residenti al 31 dicembre del 2019, gli attuali positivi sono 55 (con un incremento di 9 malati) e cioè sono l’1,13% della popolazione residente. Di questi, 2 sono ricoverati cioè lo 0,04% dei residenti e nessuno di essi è per fortuna in terapia intensiva. Si registra 1 decesso, pari allo 0,02% del residenti. Resta 1 classe delle scuole dell’obbligo in quarantena preventiva e, anche in conseguenza di ciò, 56 persone che sono in isolamento fiduciario nella propria abitazione al fine di capire se nei prossimi giorni svilupperanno la malattia. I dati sono stati forniti anche dal sindaco Luca Durè il 7 novembre 2020.

Boffalora sopra Ticino

Su una popolazione di 4.093 residenti al 31 dicembre del 2019, i positivi sono 55, pari cioè all’1,34% degli abitanti. Di questi, la maggior parte sono asintomatici e riferiti alla fascia che va dagli 11 ai 60 anni; i positivi al Covid-19 over 60 sono 9 (4 tra i 61 anni e i 70 anni e 5 oltre i 70 anni). I ricoverati sono 2 e cioè lo 0,048% della popolazione. Per fortuna nessuno di loro è in terapia intensiva. Nessun decesso. I dati sono stati forniti dal sindaco Sabina Doniselli in data 8 novembre 2020.

Magenta

Magenta, su una popolazione di 24.388 residenti al 31 dicembre del 2019, ha ben 344 positivi ma sono pari all’1,4% della popolazione. Per questa città si deve tener conto di una variabile non trascurabile e cioè che si concentrano uffici, scuole e le corse dei mezzi pubblici sono moltissime, avendo anche la stazione ferroviaria. I casi di contagio possono provenire da fuori, così come l’ospedale Fornaroli di Magenta accoglie malati e urgenza da tutto il territorio. I ricoverati sono 23 e cioè lo 0,09% a fronte di 42 guariti e di 279 persone in isolamento fiduciario nell’ipotesi che possano sviluppare la malattia nei prossimi giorni. I dati sono stati pubblicati il 6 novembre 2020 sulla home page del sito istituzionale del Comune e non parlano di decessi o di pazienti in terapia intensiva

Ossona

Su 4.326 residenti al 31 dicembre del 2020 sono 55 i positivi ma 3 sono di fatto domiciliati fuori città e quindi non vivono a Ossona. Si abbasserebbe cioè il dato a 52 positivi effettivi, pari all’1,2% dei residenti. Di questi, 2 sono ricoverati e cioè lo 0,046% della popolazione. Sono 22 i casi in isolamento fiduciario al fine di capire se svilupperanno la malattia nei prossimi giorni. I dati sono stati forniti il 6 novembre 2020 anche dal sindaco Marino Venegoni, che non parla di decessi e di ricoverati in terapie intensiva.

Santo Stefano Ticino

Su una popolazione di 5.033 residenti al 31 dicembre 2019, 47 sono i positivi pari allo 0,94% e di questi 6 sono minorenni. Quest’ultimi casi hanno fatto scattare la quarantena per 103 persone (di cui 60 minorenni) che restano in isolamento fiduciario per capire se svilupperanno la malattia nei prossimi giorni. Si registra 1 decesso, pari allo 0,019% della popolazione. I dati sono stati forniti dal Comune il 2 novembre 2020 e non parlano di attuali ricoverati.

Pubblicità

Cristina Garavaglia
Cristina Garavaglia 1020 Articoli
Giornalista

1 Commento

Scrivi qui cosa ne pensi, rettifica, replica, aggiungi, ecc. ecc.