Un bambino investito da un auto a 50 km orari muore nel 55% dei casi

Nella maggioranza delle strade urbane il limite di velocità massima è di 50km all’ora, ma un bambino investito da un auto che viaggia a 50 km orari, nella metà dei casi perde la vita.

Pubblicità

“50 all’ora” è una velocità che, mentre si è al voltante di una qualsiasi automobile è percepita come bassa. Il motore sforza, si fa fatica a inserire la marcia, i giri sono troppo alti per la seconda e troppo bassi per la terza. Il rumore del motore in questi casi è una tortura per le orecchie. Dando anche solo una piccola acceleratina il problema è risolto e il contachilometri segna fra i 50 e i 55 km orari. A questa velocità si è ancora entro i limiti stabiliti dalla legge, ma la percentuale di morte di un bambino investito si alza di parecchi punti percentuali. La percentuale si sposta fra il 65 e il 70% dei casi.

Pubblicità

Non è che vada meglio a velocità più basse. Il colpo che un’automobile può dare, viaggiando a 30 km orari, ad un bambino che salta in mezzo alla strada è comunque sufficiente ad ucciderlo in circa il 15% dei casi e a procurargli delle lesioni gravi o permanenti il 40% alle volte. Sono dati medi fra quelli che ho visionato in vari studi effettuati con manichini e stuntman in laboratorio, pubblicati da alcune organizzazioni serie, fra cui anche l’istat. Non sono percentuali precise, impossibili da avere, ma danno l’idea di quello che può succedere. Qui sopra il video di una prova effettuata con un manichino dalle forme adulte. Si può immaginare ciò che succede ad un bambino investito da un’auto?

Il bambino investito da un auto che “andava piano”

Su uno studio pubblicato da stradelandia ho trovato uno schema di correlazione fra la velocità di un’auto e la spinta che imprime ad un pedone investito. Stiamo parlando del volo che fa chi è investito da un’auto. E’ una media, che può cambiare se si tratta di un di un uomo adulto o di un bambino investito da un auto.

Cosa succede ad un bambino è investito da un auto?
Fonte schema stradelandia.it
Pubblicità

E un dato che si modifica anche in base al tempo di reazione dell’autista e se l’auto è in frenata o in accelerata. Un pedone fermo colpito da un’automobile che sta viaggiando a 30 km orari vola di circa 8 metri. Se il pedone si sta muovendo, si conta anche la sua velocità. Il volo, e la velocità in cui si è “sparato” il pedone, aumenta. Quindi aumenta la forza con cui impatta sul terreno cadendo.

Sulla strada la “questione percentuali” interessa poco. In una strada stretta, che costeggia una scuola sui cui marciapiedi si aprono i cancelli usati dai ragazzi, che sono spesso distratti dagli amici, dagli smartphone, dalla fretta per non arrivare in ritardo, che saltano da una parte all’altra della strada senza guardare, veloci e imprevedibili come scoiattoli, un’auto che va a passo d’uomo può già fare grossi danni.

Anche urtare un bambino a 20 all’ora può causare un disastro

Pubblicità

Culture digitali

Ecco perchè quando la polizia locale, o il nonno vigile, o chiunque altro, invita gli automobilisti ad abbassare la velocità mentre si passa davanti alle scuole, la risposta ” ma sto andando a 20 all’ora!” è inadeguata. La tabella pubblicata qua sopra lo dimostra. Altrettanto inadeguata è questa risposta se la strada stretta è piena di bambini e ragazzi che vanno a scuola in bicicletta o a bordo dei famigerati monopattini. Anche se si è in ritardo, anche se la mattina è cominciata male, anche se dal lavoro hanno già chiamato tre volte per sapere dove sei ringrazia il poliziotto che ti fa segno di andare a passo d’uomo davanti ad una scuola. Non lo fa perchè è un fanatico. In quel momento previene un pericolo e fa in modo che la tua giornata non diventi la peggiore della tua vita.

Pubblicità

GT Consulting

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 4449 Articoli
Metà Milanese e metà Mantovana, sono il Direttore responsabile di Co Notizie -Zoom News. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker di Radio Padania libera. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Editor Specialist

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi, rettifica, replica, aggiungi, ecc. ecc.