viaggi su Marte.A breve il primo volo destinato a rivoluzionarli

Ormai manca poco, Il lancio del prototipo di quella che potrebbe diventare a tutti gli effetti la prima vera astronave interplanetaria, che può raggiungere Marte potrebbe essere lanciato nei prossimi giorni.

Annunci sponsorizzati

il sogno di tutti. Essere a bordo della Starship che vola verso Marte
( Fonte Wikipedia commons)

In realtà ad essere lanciata non sarà l’astronave definitiva, e non sarà ne un volo orbitale ne un volo sub-orbitale. Solo pochi metri, per testare motore e serbatoi, ma se il test avrà successo, un altro passo avanti verso la costruzione di questa incredibile nave spaziale sarà stato fatto.

Elon Musk e l’industria spaziale

Prima del suo arrivo nel campo dell’esplorazione spaziale eravamo abituati a agenzie governative, pesanti, lente, spesso improduttive a tal punto, da arrivare a sbagliare un progetto (Venture Star) sprecando milioni e milioni di dollari, per poi dover ricominciare tutto da capo.
Con lo sviluppo del razzo Falcon 9 Elon Musk ha collezionato una serie infinita di insuccessi, tanto che molti ritenevano i suoi obiettivi sogni di un plurimiliardario. Ricordiamo che Musk prima di investire nello spazio, ha prima creato Paypal, poi venduta a E-bay. Con quei soldi, investirà poi su società come Tesla, Spacex e Solarcity, ovvero le tre società più importanti delle tante possedute dal ricco imprenditore.

Se non esplode non è un test

Questa è la frase che viene spesso attribuita ad Elon, e in effetti molti dei suoi lanci sono finiti con un’esplosione. D’altra parte, il tentativo di lanciare un razzo, e poi farlo ri-atterrare in verticale su una piattaforma in mezzo al mare, non era un’operazione facilissima. Infatti, quando dopo molti test, il primo falcon-9 è atterrato perfettamente sulla piattaforma, qualcosa nel vecchio e stantio mondo della missilistica mondiale è cambiato per sempre.

Un’azienda privata con prezzi fortemente concorrenziali

Annunci sponsorizzati

NASA, ESA, Roscosmos, e tutte le agenzie spaziali del globo, hanno sempre utilizzato vettori “usa e getta”, nessuno di essi infatti è mai stato recuperato dopo il lancio, con costi ovviamente molto alti. SpaceX ha rivoluzionato il settore, prima nei lanci commerciali poi, persino con i lanci con equipaggio umano.

Un’auto nello spazio, una navicella da fantascienza e la colonizzazione di Marte

Per dimostrare le capacità del suo lanciatore, chiamato Falcon heavy, Elon ha lanciato la propria Tesla verso Marte, rendendo reale la scena di un vecchio film di animazione fantascientifico, dal titolo Heavy Metal. Nelle prime scene del film, un’auto molto simile viene lanciata dallo spazio sulla terra.
Elon Musk va molto oltre, e conquista la NASA, diventando il primo fornitore di servizi per l’agenzia spaziale americana. La navicella Dragon, con due astronauti a bordo, è di fatto la prima navicella privata in grado di trasportare un equipaggio umano verso la stazione spaziale.

La conquista di Marte

Annunci sponsorizzati

Culture digitali

Ma ora veniamo al progetto di cui stiamo parlando. Starship sarà il mezzo con cui conquisteremo Marte. Ha una capacità di trasporto impressionante. La Dragon può trasportare al massimo 5-6 persone, Starship ne potrà portare 100. Potrà inoltre trasportare rifornimenti, equipaggiamento e ogni sorta di materiale verso il pianeta rosso, tanto da poter costruire in tempi relativamente brevi una base permanente.

Anche la Luna è nei progetti di Musk

Con grande sorpresa, una versione lunare, o “Moonship” è stata presentata tra i progetti del vicolo che dovrà trasbordare materiale ed astronauti dalla Luna al Lunar gateway, la stazione orbitale lunare che la Nasa assieme ad altre agenzie spaziali internazionali sta progettando.
Le modifiche del progetto iniziale fatte in brevissimo tempo mostrano come questo nuovo mezzo sia versatile rispetto ai vecchi sistemi.

Le caratteristiche tecniche:

Il sistema è diviso in due stadi. Il primo, denominato super heavy, è di fatto un gigantesco Falcon 9, decollerà e atterra verticalmente, probabilmente su di una gigantesca chiatta simile a quelle già utilizzate per i lanci dei falcon 9.
Il secondo stadio è la Starship, e come abbiamo detto avrà un carico utile di 100 passeggeri oppure 100 tonnellate in orbita bassa, e sarà totalmente riutilizzabile, come se fosse un aereo di linea.

Per andare verso la Luna e verso Marte, invece, sarà necessario effettuare due lanci. Uno con rifornimento di carburante, e uno con il carico (payload) da trasportare. Una volta in orbita, la Starship cargo o passeggeri verrà rifornita dalla Starship adibita a rifornimento carburante, che poi rientrerà con uno spettacolare atterraggio verticale.

Un carburante reperibile ovunque nel sistema solare.

A differenza di altri razzi, la Starship, utilizzerà metano come carburante. Questo per rendere possibile il rifornimento su Marte, dove ci sono importanti giacimenti di tale gas, ma non solo. Una volta su Marte, le Starship potrebbero tornare sulla terra, per un regolare avvicendamento del personale della base che sarà costruita, oppure avventurarsi verso il sistema solare esterno. Le lune di Giove, ad esempio.

Texas, Boca Chica Qui si decide il futuro

Siamo a pochi chilometri, anzi dovremmo dire miglia, dal confine con il Messico. Qui non è raro vedere silo di metallo per granaglie, o per il rifornimento idrico, ma qualcosa che assomiglia molto a quei silo, sta per prendere il volo. Gli altri prototipi sono esplosi. Alcuni per difetti delle saldature, altri per una improvvisa perdita, altri ancora per valutare fino a che pressione potevano resistere prima di esplodere. Il carburante viene prima congelato, un sistema criogenico permette di caricare molto più carburante, inoltre, il metallo di cui è fatto il razzo diventa più resistente alle basse temperature.

17/07/2020 la probabile data del lancio

L’SN6, il prototipo candidato al primo volo, eseguirà alcuni test del motore Raptor, per vedere come si comporta, e poi, il breve volo, quasi un salto, porterà il progetto ad un passo successivo, il primo lancio sub-orbitale. Non si sa bene come andrà a finire, molte parti del prototipo devono essere ancora testate, come ad esempio le gambe pneumatiche che dovrebbero sorreggere il prototipo in fase di atterraggio. Elon Musk ha dichiarato che proprio durante l’atterraggio, questo prototipo potrebbe esplodere, ma ormai lo sappiamo anche noi, non è un test se qualcosa non esplode.

Annunci sponsorizzati

Avatar
Gianluca Preti 119 Articoli
Videomaker, grafico, fotografo, appassionato di Milano.

2 Commenti

Scrivi qui cosa ne pensi