Fighi alla ricerca della celebrità su Facebook e Istagramm. Denunciati

Cusano Milanino. Sfidano i carabinieri con una foto, da pubblicare su Facebook o su Istagramm, o forse era destinata a tik tok, che ritrae una mano con uno spinello e sullo sfondo di un’auto dei carabinieri, ma il tenente della stazione se ne accorge e li ferma.

Diciamo che il loro scopo è stato raggiunto. La foto sarà pubblicata su Instagram e su Facebook e anche su altri social. Non però nel modo in cui loro intendevano utilizzarla. Lo scorso 11 febbraio nel tardo pomeriggio due ragazzi italiani si trovavano in una fiat Panda a Cusano Milanino in via Matteotti, in coda al semaforo rosso dietro ad un’automobile dei Carabinieri.

All’improvviso, l’idea

Il passeggero ha estratto uno spinello e ha scattato una foto con lo smartphone, inquadrando lo spinello e l’automobile dei carabinieri davanti a loro. Il Tenente della stazione di Cusano era a bordo della pattuglia, e ha visto la scena dallo specchietto retrovisore. I carabinieri hanno quindi fermato la Panda e i due occupanti.

Uno è un 22enne di Cormano con precedenti per furto. È stato denunciato per spaccio. A casa, durante la perquisizione domiciliare i militari hanno trovato 1,2 gr. di cocaina, 0,5 gr. di ketamina ed un bilancino. Il passeggero, un 28enne sempre di Cormano, che aveva scattato la foto è stato segnalato alla prefettura come assuntore di sostanze stupefacenti. Aveva provceduto a cancellare la foto dal suo smartphone ma i carabieri hanno deciso di accontentare gli autori della bravata e donare loro comunque il tanto atteso momento di celebrità.

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 3396 Articoli
Giornalista Milanese e Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni ho collaborato conTvci, una delle prime televisioni private e così sono anche parte della storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di RPL e scrivo su alcune testate, qua e là.

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi