Centro sociale Brancaleone. Anarchici scesi dal tetto di piazza Alfieri

Milano. Quartiere Bovisa, piazza Alfieri. 2 ragazzi hanno resistito per 4 giorni sul tetto della palazzina occupata abusivamente dal centro sociale Casa Brancaleone. Hanno chiesto di scendere questa mattina verso le 11, con l’aiuto dei Vigili del fuoco. Sono scesi alle 12.30. Martedì 22 gennaio erano saliti sul tetto dello stabile di piazza Alfieri 1, durante lo sgombero programmato del locale occupato da Casa Brancaleone.

Ieri sera alle 19,30 era stato allontanato dalla polizia il presidio di solidarietà ai due uomini che si era accampato in piazza Alfieri. I residenti del quartiere si erano lamentati per la sua presenza anche con messaggi pubblici su Facebook, e domenica mattina ci sarà il mercatino dell’usato.

Su Facebook

Il tono dei messaggi era esasperato. “Quello che avviene da alcuni giorni in Bovisa è qualcosa di paradossale e grottesco. 2 ragazzi asserragliati su un tetto che tengono in attesa h24 poliziotti e vigili del fuoco. Un gruppetto di anarchici che bivaccano e hanno fatto di piazza Alfieri il loro campeggio ricreativo riducendola ad un porcile. Il paradosso è che per ristabilire la legalità si tolleri l’illegalità di questi giorni. Mi domando perché non si sia fatto niente prima, quando questa gente ha letteralmente vandalizzato il quartiere? Suppongo, tuttavia che non ci saranno mai risposte al mio quesito e continueremo a vedere questo teatrino illegale ancora per giorni…. Buongiorno a tutti” scriveva ieri un utente di un gruppo dedicato al quartiere Bovisa, e gli animi, nei commenti, si erano divisi fra i residenti arrabbiati e i sostenitori dei due ragazzi. Il disturbo maggiore lamentato dai residenti, oltre alle scritte sui muri e alle, feste, era la continua musica ad alto volume e senza interruzioni “anche la musica migliore, se continua e se non ti lascia dormire la notte, diventa molesta”, “Ho frequentato tutti i centri sociali della città, ma uno così molesto non l’avevo mai visto” sono alcuni dei comenti.

Da parte loro gli aderenti del centro sociale Brancaleone, ha distribuito alcuni volantini che sembrano aver fatto infuriare ancora di più i residenti. Il presidio dopo le carichette della polizia si era spostato nella via della stazione, poco lontano. Conclude con la minaccia di entrare nelle case in cui vivono i ricchi e con un “non finisce qui”. La firma è particolare. Si rifà ai famosi film degli anni settanta con Vittorio Gassman “Brancaleone” e “Brancaleone alle crociate”: branca branca branca, leon leon leon, (fui, pum). Chissà se li hanno mai visti.

Centro sociale Brancaleone. Anarchici scesi dal tetto di piazza Alfieri 1 25/01/2020 Bovisa

Quello che va su, prima o poi torna giù

Annunci sponsorizzati

Questa mattina verso le 11 stamattina, i due hanno chiesto di poter scendere. Gli agenti della Questura di Milano, con l’ausilio dei Vigili del Fuoco, li hanno fatti scendere dal tetto in sicurezza.
I poliziotti della DIGOS si sono occupati dell’ identificazione dei due uomini e della denuncia di per occupazione abusiva.

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 3396 Articoli
Giornalista Milanese e Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni ho collaborato conTvci, una delle prime televisioni private e così sono anche parte della storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di RPL e scrivo su alcune testate, qua e là.

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi