Autonomia a Pavia. Quale futuro per la Lombardia?

Pavia. Giovedì 23 gennaio alle 21 a Palazzo Broletto, nella sala conferenze di via Paratici 21 a Pavia, un incontro pubblico intitolato “Quale futuro per la Lombardia?” unirà sul palco avversari politici e rappresentanti di associazioni e comitati.

Il tema è il confronto sul progetto di Autonomia della Lombardia. L’organizzazione del convegno è del comitato Rete 22 ottobre, nome ereditato dalla data in cui si è tenuto il referendum per l’autonomia in Veneto e in Lombardia. L’introduzione sarà di Roberto Pisani, referente provinciale della rete 22 ottobre e la moderazione di Federico Morando, presidente della società dei Lungimiranti.

I nomi sono importanti. Ci sarà Giancarlo Pagliarini, rappresentante di Per la riforma federale ed ex ministro, l’europarlamentare della Lega Salvini premier Angelo Ciocca, il consigliere regionale del Partito Democratico Pietro Bussolati, il responsabile Lombardia di Grande Nord Davide Boni, il coordinatore provinciale di lombardia-indipendenza Alessandro Gioia, e il consigliere comunale di Pavia prima e di Rete 22 ottobre Niccolò Fraschini. Il patrocinio della serata è della lista civica Pavia Prima. E’ una occasione unica per riuscire a capire, in una sola sera e in anticipo, cosa devono attendere i lombardi per vedere concretamente realizzato ciò che hanno chiesto con il voto referendario.

Annunci sponsorizzati

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 3923 Articoli
Direttore responsabile di Co Notizie -Zoom News. Giornalista metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 fino alla fine nel dicembre 2019, speaker di Radio Padania libera, scrivo su alcune testate, qua e là, coordino le redazioni di Nord Notizie e di altri portali di informazione. Sono anche un Web and Seo Editor Specialist.

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi