Robecco. Il sindaco decide di non far cancellare le scritte contro di lei

La lettera del sindaco Barni di Robecco sul Naviglio

Robecco sul Naviglio. Due giorni fa sono apparse sui muri di Robecco almeno quattro scritte offensive contro il sindaco fortunata Barni, che decide di non farle togliere.

Fortunata Barni l’ha annunciato con una lettera aperta ai suoi cittadini. ” Le scritte ingiuriose personalmente non mi toccano perché non corrispondono al vero. Non chiederò che siano cancellate. Dovranno rimanere lì per il maggior tempo possibile a ricordare a chiunque le abbia scritte che è una persona meschina, un codardo, uno di quei miseri che Dante avrebbe il relegato fra gli ignavi. Una persona inutile”.

La lettera di fortunata Barni si conclude con ” L’unico dispiacere: la sofferenza arecata mio marito e ai miei figli, soprattutto al più piccolo che non è ancora in grado di comprendere la malvagità dell’uomo punto chiedo scusa e cittadini che si troveranno i muri imbrattati duepunti spesso il tipo umano è fermo a quello che i greci chiamavano chiota. ” la lettera si chiude con una citazione di Sant’Agostino nel post scriptum” la speranza ha due bellissimi figli: lo sdegno e il coraggio. Lo sdegno per la realtà delle cose, il coraggio per cambiarle”.

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 3396 Articoli
Giornalista Milanese e Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni ho collaborato conTvci, una delle prime televisioni private e così sono anche parte della storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di RPL e scrivo su alcune testate, qua e là.

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi