Dopo Rogoredo, ora il Boschetto si sposta con la S11

Il boschetto di Rogoredo è sotto controllo, pian piano, azione dopo azione, si sta svuotando. I tossicodipendenti e i pusher però non demordono e approfittando delle linee suburbane e delle stazioni ferroviarie, specie la S11 Rogoredo Melegnano, per spostare i loro traffici in provincia dove pensano di essere meno disturbati. Sono così entrati nei territori controllati dai carabinieri della compagnia di San Donato milanese. Gli effetti e il degrado che la droga porta con sè si sono notatisubito e sono iniziate le segnalazioni da parte dei sindaci e dei cittadini.

Controlli serrati

Dal 24 ottobre sono iniziati una serie di controlli a tappeto effettuati dai militari della Stazione e della compagnia di San Donato milanese in collaborazione anche con il Cio, che mirano a sgomberare la zona da tossicodipendenti e trafficanti di droga. I controlli intensivi iniziano alle 7 del mattino e si concludono alle 19 e si snodano fra i comuni di San Giuliano milanese, san Donato milanese, Melegnano e San Zenone al Lambro ele loro stazioni ferroviarie. I primi successi si sono avuti quasi subito. Nelle maglie dei controlli è finito immediatamente un pluripregiudicato italiano. L’uomo ha molti precedenti per stupefacenti ed è stato visto mentre cedeva una dose di stupefacenti ad un giovane. Si era accampato all’interno della cascina Sesto Gallo. Nel suo giaciglio i carabinieri hanno trovato 122 grammi di hashish , 120 grammi di Marijuana, un bilancino di precisione e materiale vario con cui confezionare le dosi.

La cascina Sesto Gallo di San Giuliano milanese

La cascina Sesto Gallo, piuttosto grande, è abbandonata da decenni. Nelle ultime settimane era diventato un centro di ritrovo per pusher e dei loro clienti. Confina con la via Di Vittorio sul territorio di San Donato e alle spalle della frazione di Borgolombardo, non è lontana dalla stazione ferroviaria. Sembrava probabilmente una buona candidata per diventare un’altro “boschetto di Rogoredo. Lì vicino c’è anche un centro sportivo con un campo da calcio, anch’esso abbandonato. I controlli dei carabinieri di San Donato si sono concentrati in questo luogo, oltre che nelle stazioni ferroviarie. Il 30 ottobre, insieme al personale del CIO, il controllo della cascina ha portato all’arresto per spaccio di stupefacenti di un 40enne egiziano trovato in possesso di 10 grammi di cocaina e 600 euro in banconote di vario taglio. La notte del 31 ottobre, durante una retata dei carabinieri, nella cascina sono stati identificati 11 nordafricani, tutti con precedenti per reati connessi allo spaccio di stupefacenti. Sono stati denunciati per invasione di terreni e proposti per il foglio di via obbligatorio del questore. Sulla cascina è intervenuta l’amministrazione comunale con il sindaco Marco Segala, che ha annunciato di voler aprire a breve un “confronto con la proprietà di Cascina Sesto Gallo a cui come amministrazione chiederemo la messa in sicurezza dell’immobile”.

Evaso in astinenza per comprare una dose di eroina

Nella stazione di San Giuliano Milanese, il primo novembre, è stato invece trovato e arrestato un 22enne marocchino evaso dagli arresti domiciliari. Si è giustificato dicendo che era andato alla stazione ferroviaria per comprare una dose di eroina, e che non l’aveva trovata. Era in crisi di astinenza. E’ stato arrestato e portato in carcere. Sempre il primo novembre sono stati anche consegnati 6 fogli di via obbligatori per altrettanti tossicodipendenti che non dovranno più trovarsi sul territorio di San Giuliano milanese. su 37 persone identificate, 15 persone con precedenti per spaccio e 6 persone sono state segnalate alla prefettura come assuntori abituali di sostanze stupefacenti.

Il bilancio e la lunga battaglia

Il bilancio di questa tornata di controlli ha portato a identificare 107 persone. 18 avevano precedenti per spaccio, 9 sono state segnalate come assuntori. 38 sono state proposte per il foglio di via obbligatorio dal territorio del comune. La battaglia contro lo spaccio di droga in questa zona sarà lunga. Coinvolge , per il momento, i comuni della tratta della linea ferroviaria suburbana S12, tra Rogoredo e Melegnano.

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 2951 Articoli
Giornalista Milanese e Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni ho collaborato conTvci, una delle prime televisioni private e così sono anche parte della storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di RPL e scrivo su alcune testate, qua e là.

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi