Chiuso l’emporio della droga della Milano bene

Milano. Il 4 ottobre, intorno alle 15.30, in via Pacini, gli uomini del commissariato Centro hanno arrestato un pluripregiudicato brasiliano 32enne e un 33enne italiano incensurato, trovato in possesso di mezzo chilo di stupefacenti, di 3300 euro e di una pistola scacciacani senza tappo rosso. Clienti dei due spacciatori, giovanissimi e meno giovani componenti della borghesia milanese.

Fra la droga sequestrata, del valore di 45mila euro, c’era marja, hashish, ma anche mdma, molte pastiglie di ecstasy, e anche diverse dosi della famigerata cocaina rosa, una costosissima droga sintetica fabbricata in sudamerica. Il suo nome è 2cp e arriva a costare 200mila euro al grammo, circa 400 euro a dose. I due spacciatori vivevano nello stesso appartamento ma la droga è stata ritrovata nelle stanze di ambedue, insime a sacchi per i confezionamento molto più grandi, che fanno pensare che i due avessero già quasi finito le loro scorte. La cocaina rosa, o 2Cp, arriva in italia attraverso il confine spagnolo, a bordo di tir.

Dalle indagini risulta che i due spacciatori si erano approvigionati per soddisfare il “mercato” durante il periodo della settimana della moda, da poco terminata a Milano. Il territorio del commissariato Centro è infatti la cerchia dei bastioni, la zona in cui sitrovano i locali della movida milanese. I poliziotti sono giunti ad identificare i due spacciatori seguendo le tracce dei giovani che finivano in ospedale per overdose o fermati fuori dalle discoteche e nel cui sangue i medici trovavano livelli di droga molto alti e di particolari tipi. Pur non facendo i nomi dei consumatori, non è difficile capire, anche dal costo della droga e dalla disponibilità di denaro dei clienti , che si tratta di persone che appartengono alla cerechai della Milano borghese, e la particolarità è che coinvolge sia i giovanissimi rampolli dia gli adulti delle stessa manciata di famiglie che compongono quel particolare giro sociale.

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 3533 Articoli
Giornalista metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 speaker di Radio Padania, scrivo su alcune testate, qua e là, coordino le redazioni di Co Notizie, Nord Notizie e di altri portali di informazione. Lavoro come Web and Seo editor Specialist.

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi