I prodotti a Marchio Parco del Ticino sono ora a “codice” Dna

Il Parco del Ticino non è solo ambiente ma anche innovazione e tecnologia nell’insegna dell’ecosotenibilita’. La tacciabilità e identità ora è una certezza per i prodotti a marchio Parco del Ticino grazie al codice Dna.

Giovedì 3 ottobre 2019, nell’azienda agricola Cirenaica di Robecchetto con Induno, è stata presentata la nuova modalità di etichettatura dei prodotti del Consorzio Produttori Agricoli a Marchio Parco del Ticino. Stiamo parlando ancge di un’etichetta-codice digitale consultabile anche con smartphone che indica gli ingredienti, la tipologia ad esempio di farine, la specie vegetale o animale contenuta. Indica inoltre in maniera non meno importante, ciò che non è contenuto (le famose tracce di…). Una sicurezza dunque per il consumatore e per la filiera, dato che le informazioni confluiranno in un sistema-base di controllo.

Il tutto è avvenuto alla presenza della vicepresidente del Parco del Ticino Cristina Chiappa, del presidente del Consorzio produttori agricoli Parco del Ticino Sandro Passerini e del dottor Diego Breviario del Ibba-Cnr.

Lo strumento messo a disposizione delle aziende del Parco è stato reso possibile dal bando di Regione Lombardia e Camera del Commercio di Milano per il sostegno al trasferimento tecnologico nei settori agricolo, agro-alimentare e della bioeconomia in Lombardia.

La carta di identità

Annunci sponsorizzati

Culture digitali

Il codice del Dna consente di certificare anche all’estero l’identità di salumi, carni, prodotti ittici, farine, cereali e prodotti da forno. Tutto ciò anche nella certezza dell’ecosostenibilita’ ambientale dei prodotti a marchio Parco del Ticino.

La concorrenza sleale

Basterà dunque un semplice smartphone per capire cosa stiamo acquistando , contro anche chi fa concorrenza sleale spacciando un prodotto per “made in Italy” oppure per cibio che contiene ciò che in realtà manca o non è esattamente ciò che viene riportato dell’etichetta.

La tutela del territorio

Annunci sponsorizzati

Culture digitali

Ogni prodotto messo sul mercato fa lavorare il locale con la premessa della politica produttiva di protezione territoriale e di conseguenza paesaggistica

Cristina Garavaglia
Cristina Garavaglia 396 Articoli
Giornalista

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi