Aperta la stagione venatoria e l’altra “caccia” al bosco di Riazzolo, Cisliano

Il bosco di Riazzolo inserito nel Parco Agricolo Sud Milano

Domenica 15 settembre 2019 ha preso il via in Lombardia la stagione venatoria, ovvero sia della caccia. C’è chi è appassionato di caccia, chi contrario. Ci sono gli animalisti e chi resta indifferente o neutrale sull’argomento. Al di là della propria idea e filosofia di vita, i dati ufficiali aggiornati al 2019 parlano di oltre 53mila cacciatori nella sola Lombardia (oltre 5mila solo tra Milano e l’hinterland milanese).

La caccia come fonte occupazionale

C’è chi poi, come l’assessore regionale all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi, puntualizza l’importanza della caccia per un settore lavorativo che gravita attorno a questa passione, nonchè per l’indotto. Da qui la scelta di Regione Lombardia di abbattere la burocrazia e di semplificare le norme di caccia.

Non solo business

E’ sempre l’assessore Rolfi a sottolineare un aspetto spesso trascurato. La caccia serve anche per garantire l’equilibrio ambientale. Da qui un calendario di caccia per ciascuna specie molto rigido e con la possibilità di cacciare solo un determinato numero di capi per ciascuna di esse.

Un altra “caccia” nel bosco di Riazzolo

Nel bosco di Riazzolo (che comprende i territori di Albairate, Cisliano e Corbetta), nel fine settimana si è assistito ad un altro tipo di “Caccia”: quello cioè delle specie aliene (spesso inserite per opera della mano scellerata dell’uomo), che mettono a rischio quelle autoctone. Queste, non solo danneggiano gli ecosistemi, ma possono generare problemi sanitari con i relativi costi (stimati in 12 miliardi di euro nella e per l’Unione Europea).

Annunci sponsorizzati

Culture digitali

Il sopralluogo è rientrato nella campagna di “Citizen Science”, è inserito nel progetto europeo “Life Asap” ed è stato compiuto da Federparchi con la partecipazione aperta a tutti.

I partecipanti sono stati organizzati in squadre e, accompagnati dagli operatori di Legambiente (parner del progetto “Life Asap”), da personale dell’istituto Pangea e dai funzionari del Parco, hanno cercato per l’appunto specie animali e vegetali.

Cristina Garavaglia
Cristina Garavaglia 306 Articoli
Giornalista

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi