Olimpiadi a Milano. Prima riunione organizzativa a Palazzo Lombardia

Milano. Palazzo Lombardia. I governatori della Lombardia, Attilio Fontana, e Veneto, Luca Zaia, i sindaci di Milano Giuseppe Sala e di Cortina d’Ampezzo, Giampietro Ghedina, il presidente del Coni Giovanni Malagò, il vicepresindente della regione Lombardia con delega ai grandi eventi, Antonio Rossi, oltre a due dirigenti della presidenza del Consiglio, si sono riuniti oggi a Milano per iniziare il confronto sull’organizzazione delle olimpiadi invernali del Milano Cortina2026.

Il tavolo di lavoro è iniziato alle 16, mentre a Roma si discutevano le sorti del governo italiano. Il governatore del Veneto Luca Zaia era presente in video conferenza. Nella sala di palazzo Lombardia il governatore Attilio Fontana ha fatto gli onori di casa. Si è trattato di una riunione esplorativa sulla governance del grande evento, i giochi olimpici invernali di Milano Cortina 2026

I sindaci di Milano e Cortina

Si sono però individuate le caratteristiche che deve avere la persona che sarà a capo di tutta l’organizzazione. “Si dovrà trattare di una persona con molta esperienza in campo internazionale per grandi eventi sportivi” ha detto il sindaco Sala quando ha lasciato il tavolo di lavoro, in anticipo rispetto al governatore lombardo e agli altri componenti. Al tavolo non erano presenti ovviamente i rappresentanti del governo ma c’erano quelli delle forze politiche. “Se andavamo d’accordo prima, andremo d’accordo anche dopo” ha aggiunto Sala, parlando delle possibili ripercussioni che potrebbe avere la crisi di governo sulla governance dei giochi olimpici. Alla riunione non era però presente nessun rappresentante del movimento 5stelle.

Serve la legge olimpica e la scelta del tipo di governance

20190827_1724021263189550 Olimpiadi a Milano. Prima riunione organizzativa a Palazzo Lombardia Cronaca Lombardia Spazio Regione Lombardia Sport %Post Title, %Image Name, %Post Category
Attilio Fontana e Antonio Rossi al punto stampa

I punti toccati dal governatore della Lombardia riguardano il tipo di governance per l’evento. La preferenza va verso una fondazione, anche se la decisione non è ancora stata presa definitivamente. I nomi per il Ceo e per l’amministratore delegato non sono ancora fatti. Attilio Fontana ha dato molto rilievo alla necessità dell’emissione, da parte del governo, qualunque esso sia, di una legge olimpica che comprenda tutti gli aspetti dell’evento. A fine 2019 si dovrà presentare il progetto al Cio e ci si aspetta che ogni cosa sia definita per quel momento.

Tutti sereni sull’evento

20190827_173124-1127165087 Olimpiadi a Milano. Prima riunione organizzativa a Palazzo Lombardia Cronaca Lombardia Spazio Regione Lombardia Sport %Post Title, %Image Name, %Post Category
Giovanni Malagò, Coni

gioco Olimpiadi a Milano. Prima riunione organizzativa a Palazzo Lombardia Cronaca Lombardia Spazio Regione Lombardia Sport %Post Title, %Image Name, %Post Category

Anche Giovanni Malagò , presidente del Coni, ha espresso la stessa tranquillità, sottolineato gli stessi punti annunciando che sono già previste in calendario altre due riunioni. Una al 21 settembre sempre a palazzo Lombardia e una in ottobre a Verona. Sulla Legge olimpica ha sottolineato che dovrà contenere anche tutte le regole economiche e fiscali che dovranno essere rispettate.

Una sola perplessità

20190827_1741401568006623 Olimpiadi a Milano. Prima riunione organizzativa a Palazzo Lombardia Cronaca Lombardia Spazio Regione Lombardia Sport %Post Title, %Image Name, %Post Category

Solo in un aspetto è parso di cogliere una perplessità in tutti i protagonisti dell’incontro. Il tempo per cui il Ceo e gli altri amministratori saranno impegnati ad organizzare Milano-Cortina2026. 6 anni sono molto lunghi. Beppe Sala lo ha sottolineato ricordando la sua esperienza con Expo 2015, poi Attilio Fontana ne ha parlato in riferimento alla ricerca della persona che dovrà ricoprire il ruolo di ceo e che dovrà impegnarsi per molto tempo e anche Malagò ne ha accennato. Un ruolo che sarà quindi di grande prestigio ma che sarà anche molto impegnativo.

Pier da Milano
Pier da Milano 51 Articoli
Aliena vitia in oculis habemus, a tergo nostra sunt. Abbiamo davanti agli occhi i vizi degli altri, mentre i nostri ci stanno dietro. Seneca

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Rispondi, rettifica o replica