C’è una gazza che attacca chi indossa pajette

Ossona. In via Trento, all’altezza del Numero 16, una gazza sta creando qualche piccolo problema. Per proteggere il suo nido e suoi piccoli attacca le persone che passano a piedi.

Annunci sponsorizzati

Il suo bersaglio preferito sono proprio i piedi. Specialmente quelli delle donne con i sandali che luccicano, ma non disdegna borse e altri accessori luccicanti o gli specchietti. Non attacca però le persone con i cani.

L’uccellino sta difendendo i suoi piccoli. Quindi se passate in zona state lontano e trattatela con simpatia nonostante gli attacchi. Non può far molto male e ha una missione da compiere. Intanto che scrivo i residenti e altre istituzioni si stanno attivando per risolvere il problema. L’unico sistema è transennare la zona. Non toccate assolutamente il nido, se lo trovate, e non spostatelo. Causereste la morte dei piccoli. Come si tocca il nido la mamma lo abbandona. Inoltre è un reato e verreste multati. La popolazione naturale di animali urbani è protetta e appartiene al demanio statale. E’, cioè, un bene comune e non va danneggiata. Sono proprio enti statali preposti e specializzati sugli animali che devono intervenire a protezione anche delle persone. In questo caso bisogna aver un pochino di pazienza e aspettare che i piccoli diventino autonomi e volino via. Il problema si risolverà da solo.

Annunci sponsorizzati

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 4229 Articoli
Direttore responsabile di Co Notizie -Zoom News. Giornalista metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 fino alla fine nel dicembre 2019, speaker di Radio Padania libera, scrivo su alcune testate, qua e là, coordino le redazioni di Nord Notizie e di altri portali di informazione. Sono anche un Web and Seo Editor Specialist.

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi