Cigni “avvelenati” dalla plastica in villa Ferrario, Corbetta

I cigni in villa Ferrario intenti a mangiare un sacchetto di plastica

La denuncia arriva da Beppe Facchinetti, noto stilista e personaggio corbettese che ha fotografato e ha inviato alla nostra redazione le foto dei cigni del laghetto del parco comunale di villa Ferrario, intenti a mangiare un sacchetto di plastica, nel tentativo forse di recuperare il cibo contenuto.

“E’ uno schifo! I sacchetti finiscono in acqua per colpa delle persone e poi ne vanno di mezzo gli animali. Si dovrebbe riflettere su questo fatto” ha denunciato Facchinetti.

Beppe Facchinetti

Basta fare un giro nel parco per intuire come i sacchetti e altri rifiuti possano finire in acqua.

Nonostante la pulizia da parte degli addetti comunali (pressochè giornaliera nello svuotare i bidoncini dei rifiuti), c’è chi dopo aver dato da mangiare agli animali abbandona il sacchetto (spesso di plastica non degradabile) a terra, oppure ancora per distrazione di chi li maneggia, questi sacchetti finiscono in acqua.

Sacchetti di rifiuti abbandonati in villa Ferrario a pochi passi dagli appositi cestini

Culture digitali

C’è poi chi getta volutamente i rifiuti (legnetti di ghiacciolo, cartacce, piccoli ritagli di plastica) in acqua. Nel laghetto si trovano anche assi di legno, secchi di plastica.

Assil di legno e altri rifiuti visibili in acqua

E tutto ciò quando il laghetto è stato prosciugato da parte del Comune per effettuare manutenzione, con la relativa pulizia dell’acqua. Ciò implica che lo scempio non arriva dalla noncuranza da parte degli enti ma dall’insensatezza dell’uomo.

Cristina Garavaglia
Cristina Garavaglia 284 Articoli
Giornalista

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi