Senza gamba e senza mano rapinano ragazzina in sedia a rotelle

Nel 2015 a Corsico c'è ancora chi non può uscire di casa a causa della burocrazia

Milano. Piazza Luigi di Savoia. Una donna chiama il 112 perchè vede una ragazzina disabile seduta per terra a fianco della sua sedia a rotelle con una ruota spezzata. una immagine da libro Cuore, ma della Milano 2019.

Gli agenti della polizia di Stato e soccorritori del 118 la trovano così, senza ferite ma impossibilitata a muoversi. la sua sedia a rotele è stata rotta. Chi può aver trattato in quel modo una 19enne rumena e disabile?

E’ lei che racconta la sua storia. Ai poliziotti e ai soccorritori che la stanno aiutando dice di essere appena stata rapinata di 300 euro da conoscenti. Non riesce a farne i nomi ma li descrive. Sono un uomo senza una mano e una donna senza una gamba. Una barzelletta? C’è da crederle? Poco tempo fa in piazza Duca d’Aosta si era assistito al tentivo di furto compiuto da un disabile in carrozzina ai danni di un gruppo di youtuber che si accingevano a fare delle riprese: increduli avevano sventato il furto di telecamere e altri oggetti. La polizia aveva arrestato un libico cui mancavano entrambe le gambe.

In metropolitana non è difficile assistere alla questua di persone che mostrano delle vere invalidità, ginocchia ritorte, gambe sversate. In certe mattinate più che Milano la nostra città sembra Bombey. Anche se l’episodio di oggi sembra proprio una barzelletta, è accaduto. E, dopo la prima risata di stupore per la storia, non è difficile immaginare che dietro a questa strana rapina non vi sia in realtà un racket, che utilizza i disabili per chieder elemosina e che li poi li deruba dei pochi soldi raccolti, se non si piegano alle regole dettate dal capo clan, che magari è disabile anche lui o ha perso qualche pezzo, ma che si comporta come il peggiore degli aguzzini e rompe le ruote della sedia a rotelle di chi non ubbidisce, anche in questa Milano così turistica.

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 3113 Articoli
Giornalista Milanese e Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni ho collaborato conTvci, una delle prime televisioni private e così sono anche parte della storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di RPL e scrivo su alcune testate, qua e là.

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi