Furto con strappo, a caccia di due italiani con una Station Wagon grigio chiaro

Milano. Intorno alle 11 di questa mattina una donna di 72 anni è stata vittima dello scippo. Due italiani a bordo di una station wagon grigio chiaro le hanno strappato una collana dal collo, con la scusa di chiederle delle indicazioni stradali.

Questa mattina, la signora aveva appena finito di fare la spesa. Con sè aveva le due borse, pesanti. Mentre camminava una station wagon con a bordo due italiani le si è avvicinata. Il passeggero le ha chiesto delle indicazioni stradali. Lei si è avvicinata troppo al finestrino dell’auto. Senza che se ne accorgesse, l’autista è sceso, velocissimo le è girato intorno e la colpita alle spalle, strappandole velocemente la collana, di un certo valore. Poi velocissimo, è saltato sull’auto e i 2 sono fuggiti. La donna non ha immediatamente chiamato aiuto. Disperata è tornata a casa. Poi ha pensato di chiamare aiuto per farsi portare al pronto soccorso perchè il collo ha iniziato a gonfiarsi per il trauma ricevuto. Non ha ancora denunciato il reato, che è fra i priù gravi dei reati da strada. Lo farà in ospedale. Non si tratta infatti di un furto, ma di un reato contro la persona. e chi se ne rende colpevole rischia pene molto dure.

Per questo motivo e perchè è necessario avvisare possibili altri vittime dei delinquenti è sempre bene chiamare immediatamente il 112, farsi repertare al pronto soccorso e permettere alle forze dell’ordine di partire immediatamente alla ricerca di delinquenti pericolosi che vanno tolti dalla strada.

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 2881 Articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio RPL

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi