Cusano. Cade calandosi con le lenzuola. Si salva ma…

Cusano Milanino. Ieri notte luna 17enne si è calata dalla finestra di casa al secondo piano, annodando alcune lenzuola. Voleva uscire senza il permesso dei genitori. Il nodo si è sciolto ed è precipitata. Trasportata in urgenza in ospedale. Dopo una perazione d’urgenza ora fuori pericolo di vita. Non si conoscono ancora però quali danni permanenti potrà avere.

Annunci sponsorizzati

Poco dopo la mezzanotte, la chiamata disperata dei genitori al 112. Avevano proibito alla figlia di uscire perchè troppo tardi. La ragazzina ha deciso di calarsi dalla finestra utilizzando delle lenzuola annodate. Il nodo effettuato per bloccare le lenzuola alla finestra ha ceduto sotto il peso della giovane. Non lo aveva stretto nel modo giusto, si è slacciato e lei è caduta a terra da un’altezza considerevole.

Annunci sponsorizzati

Immediati i soccorsi del 112 che hanno portato sul posto un’ ambulanza della Croce Rossa di Cusano Milanino e un’automedica. La giovane è stata stabilizzata e trasportata in codice giallo all’ospedale San Gerardo di Monza verso al 1. 20. Sul posto anche i carabinieri della stazione di Cusano Milanino, che hanno effettuato gli accertamenti dell’incidente. Già questa mattina la hanno dichiarata fuori pericolo vita, dopo averla operata. La giovane è stata molto fortunata, anche se ancora i medici non possono dire quali e se avrà danni permanenti.

Annunci sponsorizzati

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 4386 Articoli
Metà Milanese e metà Mantovana, sono il Direttore responsabile di Co Notizie -Zoom News. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker di Radio Padania libera. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Editor Specialist

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi, rettifica, replica, aggiungi, ecc. ecc.