L’oratorio di Cerello alla cascina Garavaglia. I gestori recuperano nel fontanile rottami e rifiuti

L’amore per l’ambiente, per il territorio che passa attraverso la conoscenza delle sue peculiarità, il rispetto della natura. Tutto ciò si impara all’oratorio di Cerello con Battuello. Una scuola di vita, scelta dal parroco don Paolo Vignola che rende oltretutto felici i bambini. Gli stessi giovani dell’oratorio estivo che martedì 11 giugno 2019 hanno fatto visita alla cascina Garavaglia di Albairate nell’ambito delle uscite didattiche.

Un’esperienza indimenticabile

Gita a «Km zero» e a consumo zero, dato che i bambini si sono recati nella vicina cascina a piedi e in sicurezza, essendo scortati dalla Protezione civile. La carovana ha comunque incluso un’auto per assicurare il trasporto in caso di bisogno o urgenze, al fine di garantire la massima sicurezza. I piccoli visitatori sono entrati nella stalla aperta, hanno accarezzato i vitelli appena nati, annusato il fieno con erbe aromatiche che viene dato alle bestie, ascoltato le tecniche di mungitura entrando nell’apposita sala, assaporato il latte prodotto dai capi di bestiame che stanno tutto il giorno all’aria aperta. Hanno soprattutto compreso il lavoro e la fatica che sta dietro a chi ci permette di assaporare oltre al latte i derivati e la carne. «Oggi ci troviamo in una cascina che è eccellenza sul territorio, che ci permette di poter avere un rapporto diverso, forse naturale con la natura, facendoci rendere conto di cosa siano le cose sane, buone – spiega il parroco don Paolo Vignola – Venire qua, vedere il lavoro che fanno queste persone, ci insegna che per realizzare tutto ciò ci vuole fatica. E la bellezza della fatica sta nell’ottenere qualcosa per cui gioveranno tutti come: cibi genuini e un mondo meno inquinato».

L’impegno ambientale

I gestori della cascina Garavaglia hanno recuperato negli ultimi giorni e dall’omonimo fontanile, un cumulo ingente di rifiuti di ferro (elettrodomestici, parti di automobili), rifiuti indifferenziati e plastica. Sono stati accatastati in cascina e nei prossimi giorni saranno smaltiti in appositi siti perché i gestori hanno contattato chi di dovere per lo smaltimento e il recupero.

oratorio-cerello-cascina-garavaglia-2-1 L’oratorio di Cerello alla cascina Garavaglia. I gestori recuperano nel fontanile rottami e rifiuti Corbetta

Una storia buona come il latte

Costruita nel 1964, cascina Garavaglia è oggi un’eccellenza nella produzione di latte. E’ gestita da Giuseppe Agosti e dal genero. E’ una delle poche aziende del territorio tradizionale, che permette il minimo impiego di sostanze chimiche perché applica la rotazione delle colture. Le mucche vivono tutto il giorno all’aria aperta, mangiano foraggio coltivato dalla stessa cascina e che include erba medica e aromatiche.

cascina-garavaglia-3 L’oratorio di Cerello alla cascina Garavaglia. I gestori recuperano nel fontanile rottami e rifiuti Corbetta

«Siamo stati la prima stalla in Italia indenne alla paratubercolosi. Si può bere il nostro latte anche crudo e per tale motivo godiamo anche della tutela dello Stato – spiega Agosti – Dagli anni Ottanta e fino al 2015, vendevamo al Consorzio Produttori Latte Milano e abbiamo vinto 18 medaglie d’oro e 2 d’argento per l’alta qualità. Dal 2016, conferiamo alla Cooperativa Abbiatense per il Circolo produttori di gorgonzola».

Cristina Garavaglia
Cristina Garavaglia 116 Articoli
Giornalista

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Rispondi, rettifica o replica