Cane abbandonato come un rifiuto a Robecco e bocconi avvelenati a Corbetta

Purtroppo quello dei cani abbandonati è un fenomeno che non conosce tregua e che indigna, dato che esistono strutture idonee ad ospitare trovatelli o animali che non possono essere più tenuti. Una di Queste è il G3A che opera nel Magentino, Abbiatense e nel territorio.

Annunci sponsorizzati

Nonostante ciò, nella mattina di martedì 28 maggio 2019, un cagnolino di taglia media è stato abbandonato sul piazzale del mobilificio che da Magenta porta a Robecco sul Naviglio, per l’appunto in strada per Magenta. A vedere la scena è stato il marito di Sabrina Galli: «Si è accorto perché ha visto un’auto parcheggiata nel piazzale del mobilificio, scendere il cane, veder ripartire l’auto a tutto gas e il cane che rincorreva la vettura che se ne è andata via – spiega – per fortuna in quel momento stava prestando servizio la guardia giurata C.T. di Robecco e del cane se ne è preso cura lui. Noi purtroppo non possiamo tenere altri cani. Ne abbiamo già e più d’uno».

Annunci sponsorizzati

Un cucciolo impaurito e spaesato

La bestiola, impaurita e spaesata è stata fortunata nella sfortuna, ad essere subito recuperata da persone di coscienza. Ora saranno i sanitari addetti a capire se ha microchip. Potrà essere data in adozione se nessuno la reclama da qui a una decina di giorni. Ha dunque evitato una fine ben peggiore come quella del randagismo o di finire sotto a qualche mezzo in corsa.
Abbiamo inoltre sentito Enrica del G3A: «Purtroppo l’abbandono dei cani è ancora diffuso – spiega – Dall’inizio dell’anno ne abbiamo ricevuti una quarantina su 32 Comuni seguiti. Quando vengono recuperati stanno per 10 giorni nel Servizio Sanitario dove vengono accolti, curati e accuditi. Se nessuno li reclama, dato che possono anche essere sperduti, vengono da noi che li teniamo a tempo indeterminato anche se cerchiamo sempre di darli in adozione per far sì che ritrovino l’affetto di una famiglia tutta per loro – aggiunge – I Comuni più caldi in tal senso sono Magenta, Abbiategrasso e Rho».

Bocconi avvelenati contro i cani

Un’altra piaga è stata evidenziata dal G3A e cioè quella diffusa su tutto il territorio dei bocconi avvelenati lasciati in luoghi dove i cani passeggiano. Si tratta generalmente di polpettine con all’interno chiodi o ami da pesca che possono conficcarsi nella gola o negli organi interni dell’animale condannandolo a una morte lenta e dolorosa. L’ultimo episodio in via Gobetti a Corbetta, una traversa di via della vecchia Postale non lontano dalla piscina che si affaccia sulla ex statale 11. Sono stati avvistati lunedì 25 maggio 2019.

Annunci sponsorizzati

Cristina Garavaglia
Cristina Garavaglia 632 Articoli
Giornalista

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi, rettifica, replica, aggiungi, ecc. ecc.