Terrorismo. Ossama Ghafir, il lupo solitario dell’isis cresciuto a Ossona

Dieci arresti a Milano per terrorismo internazionale

Ossona – Il lupo solitario islamico che progettava attentati in Europa e arrestato oggi a Cerano ( Novara) è Ossama Ghafir, di origini marocchine, cresciuto a Ossona, dove ha frequentato le scuole medie e le elementari.

Ce lo siamo tirato su fra noi, a contatto con nostri figli. E’ stato arrestato oggi. Fino ad un paio di anni fa abitava in Piazza Litta, all’angolo con via Patrioti.  La procura della Repubblica di Palermo ne  ha disposto il fermo di indiziato di delitto, insieme a  Giuseppe Frittitta, detto Yusuf, 24 anni, di Aspra (Palermo), residente a Bernareggio, in Brianza, camionista forse pronto a compiere una strage con il suo mezzo pesante;  Ossama Ghafir, 18 anni, residente ora a Cerano (Novara) è considerato l’istigatore del siciliano.

Ossama è un “lupo solitario”, pronto ad una azione suicida in Europa contro i cristiani occidentali. Così è stato descritto dalle fonti ufficiali. Già quando frequentava piazza Litta aveva l’abitudine di spaventare i suoi compagni di scuola, minacciando di ucciderli e di fare stragi di cristiani e di occidentali. Diceva che dal Marocco sarebbero arrivati in Italia per tagliare le gole. E’ rimasto impresso nelle menti di chi lo conosceva per l’atteggiamento anormale e pericoloso che teneva. 

In quei momenti si pensava ad un ragazzino che ripeteva quanto sentito in casa e anche il nome che i genitori avevano scelto per lui non lasciava certo tranquilli. Inoltre c’erano diverse voci, di ragazzini, che parlavano di spaccio di droga al Lunapark della festa di San Cristoforo e in piazza Litta, in estate. Insomma, quando quella parte della famiglia Ghafir se ne è andata da Ossona, in molti hanno tirato un sospiro di sollievo. La Digos di Palermo lo teneva sotto controllo con delle intercettazioni sin dal 2016. La famiglia era a carico dei servizi sociali del comune di Ossona almeno dal 2014.

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 2602 Articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera.