Carate Brianza. Botte al centro di accoglienza

Carate Brianza – Fa discutere quanto successo al rifugio per richiedenti asilo I Girasoli di Carate. E se non fosse una cosa grave sembrerebbe una barzelletta.

Ieri a mezzogiorno 5 auto dei carabinieri della locale stazione dei carabinieri sono intervenuti in via Viganò 1, presso la sede della cooperativa sociale I Girasoli, di Carate Brianza. Vi era in corso un sequesto di persona seguito da un pestaggio. A chiamare il 112 è stato il responsabile della cooperativa, un cittadino marocchino. Non era sul posto ma era stato chiamato dall’operatore e mediatore culturale pakistano. Questo infatti era stato sequestrato e chiuso in bagno da 4 ospiti della struttura, 3 nigeriani e un gambiano, che erano arrabbiati e dicevano di non aver ricevuto a dicembre il poket money mensile che la prefettura versa ai richiedenti asilo. 2,50 euro al giorno per un totale di 75 euro.

Quando i carabinieri sono arrivati sul posto hanno trovato i 24 ospiti della struttura che avevano circondato il mediatorw pakistano. Uno di questi, parte del gruppo poi arrestato, brandiva un coltello da cucina. Dopo l’intervento dei carabinieri che ha disperso gli ospiti, il pakistano è stato portato in ospedale e i 3 nigeriani e il gambiano portati in Caserma accusati di sequestro di persona, lesioni e minacce aggravate.

Non è finita

All’arrivo in caserma i carabinieri hanno dovuto intervenire nuovamente perchè una decina degli ospiti della cooperativa i Girasoli si erano radunati per protestare contro l’arresto dei quattro e perchè volwevano i pocket money. Sono stati immediatamente dispersi dai militari.

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 2496 Articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera.

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Rispondi