Busto Garolfo. Il sindaco spegne i due falò

Intanto che in tutta la provincia di Milano si festeggiava Sant’Antonio e che il fuochi dedicati al santo e ai maiali si alzavano nella notte del 17 gennaio, festeggiando una delle tradizioni lombarde ( e non solo) più antiche, a Busto Garolfo i due previsti falò restavano tristemente spenti. Uno era quello organizzato dal gruppo antidiscarica e avrebbe dovuto svolgersi nel prato antistante la capanna del presidio, che, anche se frequentata da molta gente di Casorezzo, si trova appena all’interno del territorio di Busto Garolfo.
L’altro falò che è rimasto spento è quello organizzato dall’oratorio nella frazione di Olcella.

Sono molte le notizie che si sono rincorse da quando, ieri sera, si è saputa la notizia di questa brutta decisione. Alcune incolpano la mancanza di coraggio del sindaco di Busto Garolfo, Susanna Biondi, che avrebbe ricevuto un esposto effettuato da un personaggio di Sedriano, tradizionalmente fortemente contrario alle tradizioni lombarde. Secondo chi sostiene questa versione dei fatti, il sindao Biondi se la sarebbe letteralmente “fatta addosso” e avrebbe mandato la polizia locale a impedire i due falò.
Fra l’altro, La Biondi era stata invitata al falò di Santa?antonio organizzato dai comitati antidiscarica, e quindi avrebbe dovuto essere sul posto.

Una seconda versione del grave incidente diplomatico tenta di scagionare il sindaco di Bust Picuil da ogni colpa. La riversa interamente sul comandante della polizia locale di Busto Garolfo. Avrebbe impedito i falò (tutti e due) dopo aver notato fra i bancali delle pira alcuni legni verniciati. Legni quindi esclusi dalla possibilità di essere tradizionalmente bruciati

Chi ha spento i falò?

Non so ancora chi è stato. Anche se mi pare difficile pensare che un comandante di polizia locale agisca “motus proprio” in una occasione del genere. Quello che so, e che sanno tutti i casorezzesi e tutti i bustocchi, è che i due falò di sant’Antonio sono rimasti vergognosamente spenti.

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 2745 Articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio RPL

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Rispondi, rettifica o replica