Temporale, pozzanghere, tombini e l’acqua entra di nuovo in cantina

Dopo i forti temporali di ieri e dell’altro ieri a Ossona, ci sono stati degli allagamenti. Pare che la colpa sia dei nuovi tombini. E’ successo proprio quello che succedeva qualche anno fa. La più colpita è stata la via IV giugno, fino all’angolo con viale Europa. Solo che, in quel punto, non avrebbe dovuto succedere nulla. I tombini sono appena stati rifatti ed è stata modificati il metodo di smaltimento delle acque pluviali. Invece…

I due video che vi proponiamo spiegano da soli il problema che si è creato. Qualcuno ha fatto notare che da sono stati costruiti i nuovi tombini nella zona di via IV Gugno e da quando la grata di scolo scarica l’acqua piovana  non scarica più nel campo, come avveniva prima, sono ricominciati gli allagamenti delle cantine. Il temporale ha solo fatto risaltare un problema di smaltimento delle acque piovane. Infatti non si capisce per quale motivo scaricarle nella “fognatura delle acqua bianche” quando possono essere disperse facilmente nel terreno.

Parlo di fognatura di acque bianche perchè sappiamo tutti che è l’unico tipo di fognatura in cui possono essere smaltite le acque piovane ed è impossibile che il Comune abbia deciso di smaltire acque piovane nella fognatura delle acque scure. In realtà non si capisce ancora bene a che cosa sia collegato il tubo che parte dalla grata e pèerchè mai non permetta lo smaltimento delle acque durante un semplice temporale di fine estate.

Ilaria Maria Preti
About Ilaria Maria Preti 2375 Articles
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Oltre che occuparmi di Cronaca Ossona, coordino la redazione di ZoomMilano.it, collaboro con Conlombardia.com e con alcune agenzie di stampa.

Be the first to comment

Rispondi