Il compagno di Simona Forilli si chiude nel mutismo dopo l’arresto

Parabiago – Arrestato Zahir Sadigue compagno di Simona Forelli uccisa a coltellate ieri sera. Dopo essersi costituito la sera stessa alla stazione dei carabinieri di Parabiago, si è chiuso in un completo mutismo.

CarabinieriQuella di Simona Forilli, 33 anni e residente a di Parabiago,  e di Zahir Sadigue, 34enne pakistano,  è una tragedia dalle mille sfaccettature, in cui si può intuire la disperazione crescente, che ha portato all’atto di inaudita violenza.  Poco dopo le 18.10 di ieri la donna è stata trovata agonizzante dalla madre. Era stesa nel bagno del suo appartamento in via Santini 25. Il suo compagno e padre dei suoi due figli l’aveva colpita con tre coltellate, inferte con un coltello da cucina al culmine di una lite familiare, e poi se ne era andato. Tutto mentre i  loro due piccolissimi bambini, di 17 e di 4 mesi e mezzo, erano in casa. I soccorsi sono stati inutili.
Simona Forilli è morta in ospedale poco dopo il ricovero. Sin dal primo momento i carabinieri della compagnia di Legnano hanno  cercato Zahir Sadigue, che era chiaramente coinvolto nella vicenda e che non si trovava nell’appartamento né nelle sue vicinanze.

Lui, però, dopo essere fuggito e aver girovagato per Parabiago per qualche decina di minuti, si era diretto alla stazione dei carabinieri di Parabiago e, alle 19.15, si è costituito dicendo di aver ferito la moglie. Non sapeva ancora della sua morte. I due bambini sono stati affidati ad un parente della madre, che ne avrà cura in questo difficilissimo momento.

Tensioni e litigi

La coppia aveva vissuto alcuni anni in Inghilterra, dove erano nati i due bambini. Da qualche tempo avevano deciso di vivere in in italia, a Parabiago, dove risiede la famiglia di Simona. Lui non ha trovato sbocchi lavorativi,se non la distribuzione  di volantini, un lavoro che non permette certo di portare a casa uno stipendio adatto a mantenere da solo, e in modo dignitoso, una famiglia. Simona invece non lavorava, faceva la casalinga. Non è difficile immaginare le tensioni crescenti della situazione, l’adattarsi ad un posto nuovo, la difficoltà di sbarcare il lunario e le frequenti liti. I vicini di casa hanno infatti riferito di averli sentiti litigare spesso. Simona aveva espresso l’intenzione di lasciare Zahir. Forse l’ultima lite con al compagna è stata per questo motivo.

In silenzio

Non lo sapremo facilmente. Zahir Sadigue è stato fermato subito dopo che si è costituito e si è proceduto all’arresto. Questa notte, quando il Pm ha chiesto di interrogarlo, si aspettava di registrare una confessione. Invece il pakistano dopo la prima ammissione, si è chiuso nel più assoluto mutismo. Ora è in carcere a Busto Arsizio.

Ilaria Maria Preti
Chi sono Ilaria Maria Preti 2349 articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.

Commenti e Diritto di replica

Rispondi