Incendio questo pomeriggio sulla ferrovia

incendio

Corbetta – Questa mattina un incendio nei pressi del campo rom sotto la ferrovia, fra Santo Stefano e Corbetta.


incendio-350x264 Incendio questo pomeriggio sulla ferrovia Senza categoria

Intorno alle 9 del mattino del 10 novembre è andato a fuoco il campo rom della ferrovia che separa Santo Stefano da Corbetta, in provincia di Milano. Sul posto sono intervenuti tre mezzi dei vigili del fuoco che hanno spento l’incendio. Prima del loro arrivo nel cielo si alzava una lunga striscia fiamme e di fumo nero che aveva temere per la vita dei domiciliati nel campo, che si trova nella zona sotto il ponte di viale Aldo Borletti. Il fuoco ha avviluppato la zona boschiva, ha distrutto l’intero accampamento rom e alcune automobili che si trovavano all’interno. Non ci sono stati feriti. Sul posto c’era anche una ambulanza della croce bianca di Sedriano.

Arrestata l’incendiaria

Nel pomeriggio, poi, si è saputo che l’incendio era stato appiccato volontariamente da una donna domiciliata nello stesso campo Germila Halilovic, 40 anni, poi rintracciata e arrestata dai carabinieri della compagnia di Abbiategrasso. L’incendio sarebbe una vendetta per dei dissidi familiari. I primi ad accorrere sul posto e ad allontanare le persone, in atttesa dei pompieri sono stati gli agenti della polizia locale di Corbetta. Per causare l’incendio la donna ha usatyo una notevole quantità di liquido infiammabile.

 

Ilaria Maria Preti
About Ilaria Maria Preti 2381 Articles
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Oltre che occuparmi di Cronaca Ossona, coordino la redazione di ZoomMilano.it, collaboro con Conlombardia.com e con alcune agenzie di stampa.

Be the first to comment

Rispondi