Shakesperiamo che va tutto bene. Vess o Vess no

Shakesperiamo che va tutto bene: una commedia in lingua milanese all’oratorio di Cuggiono.

Una occasione da non perdere, questa sera, 30 settembre alle 21.00 nella sala della comunità, in via Cicogna, a Cuggiono la compagnia teatrale delle Vecchie Glorie di Cuggiono metterà in scena per i concittadini una simpatica commedia recitata in milanese. Milenese di Cuggiono, naturalmente, Stessa lingua della grande città, ma con quelle particolarità che la rendono unica e cuggionese. Si tratta di una commedia in due atti scritta la Luigi Galli. E il pezzo forte della Compagnia delle Vecchie glorie e racconta la storia di Gino, un giovane ragazzo che vorrebbe far l’attore di teatro ma ha un grosso difetto di pronuncia che appare quando parla in italiano.
Incredibilmente però questo difetto sparisce quando recita  in milnaese.

Vess o Vess no

Nella prima scena iI sipario si apre sulla casa di Rosa e di Carlino. Entra in scena, vestito da Amleto e con il classico teschio in mano il loro figlio Gino. Gino vorrebbe fare l’attore, ma non riesce a parlare italiano perché si emoziona. Allora vorrebbe riuscire a tradurre tutto Shakespeare in dialetto. E così inizia a recitare  monologo d’Amleto.

“Essere o non essere. Stà al mond o lassà la pell… Vardee che l’è on tribuleri, vardee che l’è on spuell. El sarà mej spettà che te riva in sol coo la stanga del carell, o, invacci, ingerniss, e buttà in ari boeu e tornarell? Morire, dormire… niente più. Sta chi: a taccà litt, strapenaa, taccaa su… L’è forsi mej indormentass a dessedàs pù. Morire, dormire… Dormire… Sognare, forse… forse! Ma l’è quest chì el disaster pussee gross: finii de stà al mond, se l’è che te salt adoss? Perché stà chi a sopportà de … diventà vegg, quei che te ciappen per el nas, quei che te tiren i oregg, sopportà i prepotent, i barlafus, i cafù, quei che te dìsen “te voeri ben”, incoeu, e doman gh’hinn giamò pù? Perché fà fadiga e termentass, se, cont on cortèll mi podi stà quiett e destaccà l’anima de la pall? Chi l’è che el voraria stà chì a patì e sudà se l’è minga per la paura del quèll che el troeuva de là? Inscì, la conoscenza, cont el dubi de la ferma: forsi l’è mej stà mal un poo adess, chì, che poeu, de là, patì in eterno!”

Ilaria Maria Preti
Chi sono Ilaria Maria Preti 2265 articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.

Commenti e Diritto di replica

Rispondi