Arese. Tolleranza zero contro l’estremismo

Arese – Condannato perché progettava attentato nel centro commerciale di Arese (Mi). Contro gli estremisti tolleranza zero ed espulsioni immediate.

Terrorismo: anche a Castano Primo si ricorda l'attentato di ParigiMentre qualcuno parla ancora di integrazione e accoglienza a tutti costi, risulta sempre più chiaro che con queste politiche ci siamo portati il nemico in casa. Lo dichiaro sulla base delle motivazioni che hanno portato alla condanna a 4 anni per terrorismo il marocchino Nadir Benchorfi che progettava una attentato jihadista a “Il Centro” di Arese dove lavorava. La condanna è arrivata dopo che il tribunale ha rinvenuto prove schiaccianti della pianificazione di un atto terroristico, come foto sul cellulare delle vie d’uscita del centro e intercettazioni telefoniche con ammissione.

E’ inaudito che una persona con un lavoro e apparentemente ben integrato nella società stesse pianificando di farsi esplodere proprio ad Arese dove centinaia di persone tutte le settimane passano del tempo con la propria famiglia e i propri figli. Servono controlli serrati e tolleranza zero contro coloro che sono legati a doppio filo all’ISIS o che nutrono simpatie per l’estremismo islamico, per questa gente infatti noi europei siamo solo degli infedeli da ammazzare. E’ arrivato il momento di rimandare immediatamente a casa loro questi estremisti culturalmente troppo diversi da noi e che mai sapranno e vorranno integrarsi nella nostra società.

Fabrizio Cecchetti
Chi sono Fabrizio Cecchetti 18 articoli
Sono nato il 3 dicembre 1977 a Rho (MI) e dal 1998 sono consigliere comunale a Rho della Lega Nord. Conduttore di Radio Padania Libera, ho collaborato con la rivista Angeli Press, pubblicazione del terzo settore e del volontariato sociale. Rieletto consigliere regionale nel 2013, ricopro la carica di Vice Presidente del Consiglio regionale della Lombardia.

Commenti e Diritto di replica

Rispondi