Grave Incidente in Mac Mahon. 11enne investita dal tram. Perde un piede

Terribile incidente questa mattina, poco prima delle 8 in via Mac Mahon angolo via Duprè. Una bambina di 11 anni che stava recandosi alla vicina scuola media, la Puelcher, insieme ai suoi amici, ha attraversando la strada all’altezza delle strisce pedonali, ed è stata investita da un tram della linea 12.

I soccorritori sono arrivati sul posto con diverse ambulanze e un’auto medica, in codice rosso. Gli attimi seguenti sono stati terribili. Per estrarre la undicenne da sotto il tram è stato necessario l’intervento di vigili del fuoco di via Messina. La bambina è stata stabilizzata ed è viva ma il codice di intervento è rimasto rosso, il più grave. E’ stata portata all’ospedale di Niguarda. La ragazzina ha perso un piede, che le è stato amputato.

L’autista del tram e un altro ragazzino si sono sentiti male

L’autista del tram, un uomo di 35 anni, si è sentito male. Non si sa ancora se il malore è avvenuto a causa dell’incidente o se ne sia stato la causa. E’ stato portato anche lui all’ospedale di Niguarda. Anche uno degli amici della bambina, sempre di 11 anni, ha dovuto essere soccorso e portato in ospedale, in codice verde, perchè si è sentito male alla vista dell’incidente.

Per i rilievi tecnici sono intervenuti sul posto gli agenti della polizia locale di via Beccaria e gli uomini del Coordinamento di Milano dell’Atm.

Annunci sponsorizzati

Mba

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 3707 Articoli
Giornalista metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 fino alla fine nel dicembre 2019, speaker di Radio Padania libera, scrivo su alcune testate, qua e là, coordino le redazioni di Co Notizie, Nord Notizie e di altri portali di informazione. Sono anche un Web and Seo Editor Specialist.

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi