Cronaca di un consiglio comunale assurdo, anzi 2

consiglio comunale ossona

Ossona – 2 consigli comunali in una volta sola. Il primo consiglio comunale convocato in seconda convocazione e il secondo in prima convocazione.  E non sono stati un bello spettacolo. Hanno avuto luogo giovedì 26 gennaio.

2017-01-28-08.27.32-350x230 Cronaca di un consiglio comunale assurdo, anzi 2 Politica Prima Pagina   Avevamo già raccontato come lo scorso 23 dicembre il consiglio comunale che doveva discutere su due mozioni presentate dalla minoranza di Siamo Ossona fosse andato deserto. Il Consiglio era stato convocato  venerdì mattina di una giornata lavorativa. La regola vuole che nel caso di adunanza deserta, si debba attendere un’ora, e rifare l’appello. Se anche al secondo appello i consiglieri non si presentano, l’adunanza vien dichiarata deserta. Il sindaco ha poi 5 giorni di tempo per convocare un altro consiglio comunale, con lo stesso ordine del giorno. Nella storia di Ossona è la prima volta che il consiglio comunale va deserto. Non è però la prima volta che deve intervenire la prefettura per ottenere il rispetto delle regole.

Difatti, per ottenere la riconvocazione del consiglio comunale, il gruppo di minoranza siamo Ossona ha dovuto prima diffidare 2 volte il sindaco e poi ricorrere al prefetto e al ministero dell’interno. A quanto pare la maggioranza non intendeva proprio riunirsi a discutere di sicurezza e di parchi. Intanto, ladri, martellatori, aggressori e inquinatori impazzavano per il paese. Infine, pare che la prefettura abbia chiamato il sindaco Venegoni e gli abbia chiarito che se non indiceva la seconda convocazione del consiglio comunale e se i suoi consiglieri non si presentavano, la conseguenza sarebbe stata pesante. Pare si sia parlato di commissariamento (ad acta) e forse anche di decadenza del consiglio comunale.

Il secondo per primo e il primo per secondo

Quindi è apparso l’avviso di convocazione di due consigli comunali nello stesso giorno. Dato che siamo ad Ossona, non poteva mancare il lato ridicolo della questione. Abbiamo avuto il primo consiglio comunale in seconda convocazione (di quello del 23 dicembre 2016) e il secondo in prima convocazione. La cosa seria era nella discussione delle due mozioni presentate dalla minoranza di Siamo Ossona. Una delle due chiedeva alla maggioranza di scegliere di entrare in un ente parco per difendere il territorio dalle speculazioni edilizie, e l’altra chiedeva che sindaco e maggioranza, per l’ennesima volta, prendessero posizione su Ossona Sicura accettandone l’esistenza, il lavoro e permettendo al comitato di interfacciarsi in modo ufficiale con la polizia locale. Lo scopo era quello aumentare il livello della sicurezza in paese. Ambedue le mozioni sono state bocciate dalla maggioranza.

Culture digitali

Nel secondo consiglio comunale, in prima convocazione, è andato in scena l’odg proposto dal sindaco Venegoni. La cessione delle quote di Atinom viaggi a Guidoviaggi, l’ennesima modifica al progetto di ampliamento della Dolcissimo, e le comunicazioni. Tutta la maggioranza ha votato a favore, senza discussioni, su ogni punto. e Rossi si è astenuto. La minoranza di Siamo Ossona ha lasciato l’aula.

Due bocciature dal livello molto profondo. Più del magma

Le due mozioni sono state bocciate dalla maggioranza, con l’astensione dei Verdi. Sergio Garavaglia e Siamo Ossona hanno votato a favore. Non ci sono molte parole per definire la bassezza del livello delle motivazioni che hanno accompagnato le due bocciature. Diciamo che bisogna scavare a fondo, per riuscirci. Oltre la cantina. La mozione sui parchi la trovate al link Sergio Garavaglia contro la discarica e a favore del parco. Su questo punto il vicesindaco Giovanni Oldani si è lanciato in uno sproloquio di accuse nei confronti di Sergio Garavaglia, riguardanti i loro rapporti risalenti a 17 anni anni fa. Cioè quando le parti erano inverse. Garavaglia sindaco e Giovanni Oldani all’opposizione.

Culture digitali

Sulla mozione per impegnare a incontrare Ossona sicura,  Giovanni Oldani è partito negando l’esistenza del gruppo di controllo del territorio,  passando per l’affermazione che i cittadini non hanno diritto a difendersi e finendo per utilizzare, come fosse accusa nei confronti di Sergio Garavaglia, le fotografie con i 300 punti del paese con segnali stradali mancanti.”Lo sappiamo che sono quelli che hanno fatto le foto per il progetto Aiutiamoli a vedere” ha detto. Giovanni Oldani ha anche citato i capannoni della Ex Bertola. Insomma “tutto è colpa del Sergio, anche quello fatto da Giovanni.”

Il sindaco sui parchi

Il sindaco, a grandi linee, ha detto che entrare in un parco è una opportunità ma che è costoso perchè il parco del Roccolo ha un ufficio tecnico pagato dai tre comuni. Il parco del Gelso, invece, non prevede costi, ma è costoso perchè prevede l’impiego di alcune ore del personale tecnico comunale. Secondo lui le regole poste sul PGT 2013 sono sufficienti a proteggere l’ambiente. Ha citato anche il punto della mozione in cui si chiede di entrare nel parco del Roccolo per partecipare alle spese legali dei Comuni di Casorezzo e Busto Garolfo nella lotta contro la cava Solter.

Il richiamo alle promesse, fatte durante l’assemblea dei sindaci dell’altomilanese, di aiutare i due Comuni, non gli è piaciuto. Però ha detto che non è necessario entrare nel parco per sostenere la lotta legale contro la cava Solter e che forse lo faranno. Cioè, hanno dato ragione alla mozione, ma tutta la maggioranza ha votato contro, per non entrare in un parco.

La bocciatura della mozione su Ossona sicura

Il vice sindaco ha parlato come se non fosse al corrente di quanto ha fatto e detto negli ultimi due anni. Come se non fossero esistiti. Giovanni Oldani ha dato il peggio che un vicesindaco può dare. Ha detto bugie, ha sostenuto che il no a Ossona Sicura e al controllo di vicinato non era un no alle persone che ne facevano parte. Ha affermato che era No perchè Ossona sicura si appoggia a Sergio Garavaglia. Che è come dire che il capogruppo di opposizione non è una persona. Era come se mi parlasse per interposta persona. Come se recitasse, male, una commedia. Si è anche rivolto genericamente al pubblico. Il pubblico eravamo io, Giorgio e Paolo Ballon. L’imbarazzo era palpabile. Anche l’assurdità dei discorsi era palese.

Siamo Ossona e Sergio Garavaglia

L’intervento di Sergio Garavaglia è stato puntuale. Ha descritto la situazione, detto che l’incontro fra sindaco e Ossona sicura serve a permettere al Comitato di lavorare meglio per il paese, che gli aderenti hanno avuto parecchi successi, che seguono le regole, che sono 750 nel gruppo Facebook e 40 nel gruppo whatsapp.  A difesa del comitato Ossona Sicura si è anche alzata la voce di un consigliere di maggioranza, Valerio Tunesi. Valerio Tunesi ha ricordato come l’amministrazione comunale non fosse riuscita a mandare via gli zingari di via 24 maggio, ma i cittadini di Ossona Sicura, si. Ha aggiunto che l’azione del comitato è meritoria.

Il sindaco  Venegoni e Giovanni Oldani su Ossona Sicura

Il sindaco ha preso la parola per dire che non è necessario che l’opposizione presenti una mozione perché dei cittadini incontrino il sindaco. Basta chiedere appuntamento e lui riceve tutti i giorni. Ha poi ripreso la parola Giovanni Oldani dicendo che la maggioranza non è contro il controllo di vicinato ma è “contro le ronde, perché non vogliono in giro gente violenta.”  Su questa posizione di Oldani faccio una mia considerazione. L’avrei fatta in Consiglio comunale,  dal pubblico, ma non si può parlare. Giovanni Oldani non si è  ancora accorto che la gente violenta in paese gira già. Ma non sono gli aderenti a Ossona Sicura. I violenti sono i ladri, i rapinatori, gli spacciatori,che girano in paese. Ossona sicura,  invece, effettua controllo del vicinato e del territorio e tenta di disincentivare la violenza.

Infine, il solito sconclusionato intervento di Gilberto Rossi. Si è lamentato di non vedere il gruppo facebook di Ossona sicura e quindi dinon poter leggere. Si insomma, Rossi si è astenuto dal votare in consiglio comunale per vendetta, perchè lo hanno bannato dal gruppo Facebook di Ossona sicura. Quindi si è andati al voto. L’intera maggioranza ha votato contro la possibilità di un incontro tra Ossona Sicura, il sindaco e il comandante della polizia locale. Persino Alberto Poli e anche Valerio Tunesi.

Ilaria Maria Preti
About Ilaria Maria Preti 2399 Articles
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Oltre che occuparmi di Cronaca Ossona, coordino la redazione di ZoomMilano.it, collaboro con Conlombardia.com e con alcune agenzie di stampa.

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Rispondi