Il mistero del divieto di sosta sul marciapiedi di via Padre Giuliani

divieto di sosta

Ossona – Il marciapiedi in via Padre Giuliani è finito da un pezzo, ma i paletti mobili del divieto di sosta permangono. Eppure non c’è traccia di una ordinanza. Un altro degli “strani casi ossonesi?”

Pubblicità

divieto di sostaOssona ha le sue particolarità, ma ogni tanto succedono cose che son esagerate persino per Ossona. In questi giorni il record tocca ai paletti di divieto di sosta che permangono sulla via Padre Giuliani sul nuovo piccolo marciapiede di porfido, che ha preso il posto della pista ciclabile.  Sono lì ma non si sa perchè. In un primo momento, finiti i lavori, la supposizione più logica era che se li fossero dimenticati. O che gli operai non avessero ancora avuto il tempo di rimuoverli. Ora invece, a quasi tre mesi dalla fine dei lavori, si sospetta che il motivo sia serio. Che qualcosa non vada. Dal punto di vista dell’automobilista, è una incongruenza. Sopra i paletti mobili c’è un cartello di parcheggio a disco orario. Invece i paletti indicano un divieto di sosta sul marciapiedi. Saranno mica i pedoni che non circolano ad essere in contravvenzione per”divieto di sosta”?

Pubblicità

Bed & breakfast La Scala a Rho

Qualcosa non va con il marciapiede?

Le supposizioni sono molte. Una è che il marciapiede in porfido non sia regolamentare. I paletti sarebbero stati lasciati in quel posto per evitare che sia usato come marciapiedi o come pista ciclabile. C’è la piazzola per mettere la rastrelliera per le biciclette, c’è un passaggio pedonale diagonale che collega il marciapiedi alla discesa del marciapiede dell’angolo fra via Baracca e via Rimembranze. Come pista ciclabile, non è omologabile. Però, può essere una pista ciclo – pedonale, da percorrere con attenzione. Non omologata, ma accettabile. E allora? Perchè non è aperta? Perchè i paletti ci sono solo davanti ai negozi e non su tutto il marciapiedi, fino alla via Pascolutti?

Pubblicità

Il mistero della firma

Una delle voci che girano insistentemente racconta che i paletti di divieto di sosta permangono perchè il vice comandate Pianura non firma la liberatoria di “fine lavori”. Le motivazioni di questa mancata firma sono però sconosciute, ammesso che la debba apporre il vice comandante. Un occhio attento può notare che sul lato della via Baracca, a fianco della pista ciclabile, non è stato ripristinato il basamento del portico della palazzina. Forse la motivazione della permanenza dei paletti di divieto di sosta davanti ai negozi è per lasciare un segno di mancata fine lavori. Il nuovo marciapiede, cioè,  non ha passato il collaudo dell’ufficio tecnico. La ditta incaricata deve sistemare il basamento? Questa sarebbe una buona motivazione per non concludere il contratto e per tener chiuso il marciapiede. Però in genere si usano i cartelli di lavori in corso, non quelli di divieto di sosta. In questo modo, infatti, la gente utilizza comunque il marciapiedi incriminato, con i derivati rischi assicurativi, e sono  gli automobilisti a chiedersi se possono, o meno, usare i parcheggi.

Pubblicità

tap gym

Commenti Facebook
Pubblicità
  • Bed & breakfast La Scala a Rho

  • GT Consulting

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 4780 Articoli
Metà Milanese e metà Mantovana, sono il Direttore responsabile di Co Notizie -Zoom News. Ho iniziato giovanissima con cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 al 2019 speaker di Radio Padania libera. Ora scrivo su alcune testate, coordino portali di informazione, sono una Web and Seo Editor Specialist

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi, rettifica, replica, aggiungi, ecc. ecc.