Pirelli e parlamento della Lombardia votano NO al referendum

pirelli vota no

Milano – Il Pirelli, palazzo del Parlamento della Lombardia, ha detto che domani voterà No al referendum, accendendo le luci delle finestre.

pirelli-350x227 Pirelli e parlamento della Lombardia votano NO al referendum Politica Prima Pagina In un primo momento, quando questa fotografia ha cominciato a girare fra i giornalisti, si pensava ad un fotomontaggio. La prima prova con le webcam posizionate in direzione dello skyline di Milano ha però fugato i dubbi. Poi è stata la volta delle testimonianze di chi si trova ancora sotto l’importante palazzo milanese. Infine a confermare la notizia hanno pensato le lamentele dei sostenitori del Si. Il Pirelli ha, infatti, detto No. Chiaramente il No è riferito al Referendum di domani. Esprime il pensiero Lombardo. I cittadini della regione Lombardia sono quelli che, più di ogni altro, avranno da perdere in una vittoria del Si. La riforma di Renzi accentra tante competenze, ora regionali, nelle mani del governo centralista. I pericolo c’è sia la qualità dei servizi pubblici sia il loro costo (e quindi il livello di tasse). “Si peggiorerà il nostro livello di sanità e di servizi pubblici equiparandolo a quello della Calabria,” dicono i sostenitori del No .Dopo tutto quanto detto in questi giorni è chiaro che il palazzo del consiglio della Regione Lombardia dica No con forza, anche accendendo quelle famose luci che rendono il grattacielo Pirelli un palazzo parlante.

Domani il referendum

La presidenza della giunta lombarda però fa sapere tramite un comunicato stampa che la scritta No sul palazzo Pirelli non è un’iniziativa autorizzata. “Si tratta di un’iniziativa nè promossa nè autorizzata dalla Presidenza della Giunta”.  Scrivono nella nota inviata alle redazioni dei giornali”Sono in corso verifiche per accertare la responsabilità di chi ha violato la legge sulla par condicio che la Presidenza ha sempre rigorosamente rispettato”. I sostenitori del comitato per il Si si sono lamentati per le luci accese.

Ilaria Maria Preti
About Ilaria Maria Preti 2399 Articles
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Oltre che occuparmi di Cronaca Ossona, coordino la redazione di ZoomMilano.it, collaboro con Conlombardia.com e con alcune agenzie di stampa.

2 Commenti

  1. Falsità, lo stesso Presidente Maroni ha negato un coinvolgimento, perché quella scritta viola sia la legge sulla par condicio che l’art.67 della Costituzione.
    Chiedo le sue dimissioni per aver diffuso mediante stampa propaganda politica travestita da notizia.

  2. Io le suggerisco di imparare a leggere gli articoli. Non vede che il comunicato stampa della presidenza della giunta lombarda è incluso nell’articolo? Che falsità sarebbe? La foto è assolutamente reale. L’unica cosa falsa qua è la sua identità (più che lama scarlatta direi lama sgangherata)

Rispondi