Nuovo museo archeologico degli Etruschi

Milano avrà un nuovo museo archeologico, ma oltre a questo c’è molto di più. Per lungo tempo, numerosi reperti archeologici milanesi sono rimasti chiusi nelle casse della Soprintendenza, in attesa di essere esposti in luoghi adatti che ne evidenziassero l’importanza e la bellezza.
Il 15 Novembre 2016 un piccolo passo in avanti è stato fatto, è stato infatti presentato in comune un nuovo progetto. Una nuova area espositiva raccoglierà reperti Etruschi provenienti dalla collezione privata della Fondazione Luigi Rovati, l’apertura al pubblico è prevista nel 2018. Il museo sarà privato, ma convenzionato con il comune, ed entrerà a tutti gli effetti nel vasto, ma purtroppo molto frammentato sistema di musei milanesi.

L’area espositiva sarà realizzata all’interno di Palazzo Bocconi Rizzoli Carraro, proprio di fronte al Planetario, in Corso Venezia 52. Giovanna Forlanelli Rovati, vicepresidente della Fondazione Luigi Rovati ha dichiarato che l’iniziativa nasce da una passione di vecchia data, ovvero l’amore per l’antichità, oltre che da una importante collezione di vasi etruschi appartenente alla sua famiglia. Oltre ciò, questa iniziativa si sviluppa in un contesto di decenni di capacità imprenditoriale innovativa.

Il Progetto del museo archeologico:

Questo progetto sarà il primo di altri progetti simili che faranno crescere l’offerta culturale e artistica di Milano che punta ad offrire a turisti e cittadini un’offerta sempre più ampia, infatti, sono allo studio progetti con altre istituzioni culturali milanesi, con i musei archeologici e le collezioni archeologiche di Regione Lombardia, che potranno colmare il vuoto espositivo, anche se parziale, che non permette di mettere in mostra adeguatamente l’ingente quantità di reperti di origine celtica, etrusca, greca e romana, presenti su tutto il territorio italiano.

Annunci sponsorizzati

Avatar
Gianluca Preti 102 Articoli
Videomaker, grafico, fotografo, appassionato di Milano.

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Scrivi qui cosa ne pensi