Rubate tre mucche e macellate in un campo

mucche rubate ( foto di Osvaldo Salerio)

Arluno – Tre mucche rubate nella notte fra sabato e domenica da una fattoria al confine con Ossona. Poi le hanno macellate nella notte, in un campo poco lontano. Non  ancora confermato il vero numero degli animali uccisi. Probabilmente c’è in programma una festa in qualche campo rom.

mucca-324x243 Rubate tre mucche e macellate in un campo Piazza Litta Prima Pagina   La notizia si sparsa già ieri sera, ma non si conoscono ancora i particolari del furto. Aggiorneremo la notizia man man che le notizie saranno verificate. Tre mucche da latte sarebbero state rubate nella notte fra sabato 24 e domenica 25 settembre in una fattoria fra Arluno e Ossona. Poi i ladri le avrebbero macellate in un campo poco lontano portandosene via le carni. I resti delle tre mucche, le pelli e le interiora, sono stati ritrovati nel campo e i veterinari della Asl le hanno recuperate questa mattina. Alcune voci dicono anche che due delle mucche erano gravide. La fotografia qui a fianco ritrae il ritrovamento ed è stata scattata e pubblicata su Facebook da Osvaldo Salerio, di Arluno.

I colpevoli probabilmente i soliti zingari. La carne è invendibile

I colpevoli di questo terribile fatto di abigeato sono probabilmente degli zingari. In ogni caso, gente che vive al di fuori delle regole. La carne delle mucche è infatti invendibile. Si pensa l’abbiano presa per consumarla in privato. In un primo momento si è parlato di un furto compiuto da esperti perchè il modo in cui sono state tagliate le carni faceva intendere una certa competenza nel tagliare la carne. In realtà chi ha avuto esperienza lavorativa in un macello avrebbe evitato di rubare delle mucche e avrebbero preferito dei manzi.

La carne delle mucche non è di qualità adatta alla tavola e al consumo. In ogni caso, prima di essere consumata deve essere frollata per un periodo abbastanza lungo, in condizioni ottimali. Ristoranti e macellai, inoltre, non rischieranno la loro professionalità comprando carne che non ha i certificati di tracciabilità, e di salute, rilasciati dalla Asl. Nessun macello rischierebbe di concederne una falsa. Probabilmente stanno programmando qualche festa o qualche matrimonio in uno dei numerosi campi rom che infestano la zona.

Ilaria Maria Preti
About Ilaria Maria Preti 2399 Articles
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Oltre che occuparmi di Cronaca Ossona, coordino la redazione di ZoomMilano.it, collaboro con Conlombardia.com e con alcune agenzie di stampa.

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Rispondi