Addio Equitalia. Cosa cambia se la Lombardia se ne va

lombardia equitalia

Milano – Regione Lombardia ha chiuso la collaborazione con Equitalia spa per il recupero coattivo dei crediti regionali. La decisione presa nella riunione della giunta del 12 settembre. A partire dal 15 settembre 2016 il nuovo concessionario sarà RTI Publiservizi srl e Duomo GPA srl, che ha vinto il bando di gara europeo.

lombardia-324x229 Addio Equitalia. Cosa cambia se la Lombardia se ne va Politica Prima Pagina   Durante la riunione della giunta del 12 settembre, la Regione Lombardia ha ratificato il risultato della gara di tipo europeo e a evidenza pubblica che riguardava la riscossione delle cartelle esattoriali. La migliore offerta pervenuta, che poi ha determinato la scelta, è quella della Ato RTI Publiservizi srl e Duomo GPA srl. I costi di recupero crediti diminuiranno sia per la Regione Lombardia sia per i cittadini. I costi di aggio, cioè quanto la società di riscossione tratterrà sulle tasse recuperate, passeranno dall’8% di equitalia al 5,9%. Per i contribuenti diminuiranno le spese postali.

In regione Lombardia sparirà la cartella esattoriale

Al posto della cartella esattoriale di Equitalia ci sarà l’ordinanza di ingiunzione di pagamento. Sarà lo strumento per il recupero coattivo delle tasse inevase. Prima si procederà con avvisi bonari e inviti a regolarizzare la situazione fiscale, anche tramite il ravvedimento operoso. Nel comunicato stampa rilasciato dalla giunta Lombarda si legge che: “Congiuntamente all’abbandono di Equitalia spa, Regione Lombardia ha realizzato una campagna di regolarizzazione agevolata, che, anche al fine di creare le condizioni per una efficace riscossione della tassa automobilistica, contemperando le esigenze di tutela dell’Erario con quelle del cittadino incolpevolmente moroso, ha prodotto una significativa riduzione delle posizioni”. Si sta parlando della proposta di pagare le vecchie tasse automobilistiche senza pagare gli interessi, organizzata quest’anno. L’iniziativa ha permesso di regolarizzare circa 1.000.000 di posizioni relative alla tassa automobilistica.

A posto anche il registro automobilistico

Regione Lombardia si è spesso lamentata perchè al passaggio della tassa automobilistica dallo stato italiano alla regione, gli archivi della Motorizzazione e del Pubblico Registro Automobilistico erano incompleti. Mancavano moltissimi dati. Altri erano sbagliati. Con questa campagna di regolarizzazione è stato possibile rimediare e ottenere le informazioni mancanti sui veicoli. Anche se si tratta solo della parte che riguarda lil recupero delle tasse regionali inevase, è un bel passo svanti. In regione Lombardia si parla di un fisco vicino al cittadino che crea un modello di fiscalità regionale non più il nemico del cittadino.

Roberto Maroni è contento di aver licenziato Equitalia

Culture digitali

Il presidente della giunta lombarda Roberto Maroni ha commentato il provvedimento della giunta su Facebook. “Oggi la Regione Lombardia ha ‘licenziato’ Equitalia. Come avevamo promesso. Siamo la prima Regione a farlo. Nella seduta odierna la Giunta ha approvato la proposta dell’assessore Garavaglia di affidare, a partire dal 15
settembre, la riscossione dei tributi di competenza regionale ad un nuovo concessionario: ciò significa riduzione dei costi per la Regione, riduzione delle spese per i contribuenti e (soprattutto) un rapporto con i cittadini e le imprese rispettoso e attento alle esigenze individuali”.

Ilaria Maria Preti
About Ilaria Maria Preti 2399 Articles
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Oltre che occuparmi di Cronaca Ossona, coordino la redazione di ZoomMilano.it, collaboro con Conlombardia.com e con alcune agenzie di stampa.

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Rispondi