La Corsa Rosa di colpite ma non sconfitte

corsa in rosa colpite ma non sconfitte

Ossona – L’associazione “Colpite ma non sconfitte” organizza una corsa campestre in rosa. Lo scopo è il sostegno a chi sta affrontando un tumore al seno. Si correrà il 16 ottobre. La partenza da Piazza Litta.

corsa-in-rosa-324x220 La Corsa Rosa di colpite ma non sconfitte Eventi Lifestyle Magazine Prima Pagina   Colpite  ma non sconfitte è un’organizzazione che dà sostegno a chi è colpito dal cancro al seno. Raccoglie fondi e si occupa di informazione. Nonostante il nome al femminile e il colore rosa che predomina nelle iniziative, il tumore al seno non colpisce solo le donne. Raramente, e in alcune forme particolari, può colpire anche gli uomini. Le cure chirurgiche toccano in modo particolare le donne nel simbolo della loro identità sessuale. Non ci si può nascondere che la cura chirurgica, per un uomo, è molto meno traumatizzante. In ambedue i casi prevedono spesso l’asportazione delle mammelle, e questo mina in molti casi l’identità e l’autostima femminile.

La corsa in rosa di “Colpite ma non sconfitte” è il 16 ottobre

Per questo alcune iniziative come “Colpite ma non sconfitte” sono importanti soprattutto le le donne malate di tumore al seno. Cliccando sull’immagine potrete vedere un video youtube con una piccola intervista ad una delle organizzatrici della corsa in rosa che si terrà a Ossona il prossimo 16 ottobre. Sono 5 chilometri di corsa per le strade ossonesi. Sono da percorrere indossando abiti rosa: magliette, pantaloncini, tute, capelli, quello che si vuole. Se il rosa non è un colore abituale del proprio guardaroba, con 10 euro si possono acquistare le magliette rosa con la scritta Colpite ma non sconfitte. Durante la sagra di San Bartolomeo l’associazione è stata ospitata nel gazebo dell’Avis.

Ilaria Maria Preti
About Ilaria Maria Preti 2376 Articles
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Oltre che occuparmi di Cronaca Ossona, coordino la redazione di ZoomMilano.it, collaboro con Conlombardia.com e con alcune agenzie di stampa.

Be the first to comment

Rispondi