Campo base di Expo ai terremotati. Sala non vuole

campo base expo

Rho – I container arredati del Campo base Expo ai terremotati invece che ai clandestini. C’è già l’ok della protezione civile statale. Operazione fattibile. Solo il sindaco di Milano Giuseppe Sala sembra voler mettere i bastoni fra le ruote.

expo1-324x251 Campo base di Expo ai terremotati. Sala non vuole Politica Prima Pagina   Roberto Maroni ieri ha proposto  di utilizzare il Campo base di Expo per i terremotati. Il campo base di expo, infatti, può essere completamente smontato, trasportato e rimontato in zone del terremoto. Sono 500 container completamente arredati, impilabili fino a tre piani, antisismici, infrastrutturati. Nel complesso c’è anche una cucina che può sfornare 1500 pasti per tre volte al giorno, un salone da 400 posti con relative sedie e attrezzatura. Si tratta di un vero e proprio quartiere in grado di ospitare comodamente da 500 a 1500 persone. La tempistica è quella giusta. Nelle Marche, in Lazio e  in Umbria in questo momento stanno affrontando l’emergenza. Salvano le persone e gli animali. Rifocillare, curare e dare assistenza è la priorità.

Dopo la prima emergenza c’è la seconda

In questi giorni, chi non può essere utile nei luoghi del terremoto deve preparare il dopo terremoto. Fra circa un mese serviranno container e roulotte, strutture, posti letto, villaggi, che dovranno durare almeno 4 anni. Questi sono, infatti, i tempi della ricostruzione delle case civili dopo un terremoto. Ci sarà chi riesce a rientrare in casa prima, chi dopo, ma è meglio non avere fretta. Il campo base expo sarà l’ ideale per almeno 500 persone. In fondo all’articolo un album di foto, già pubblicate qualche mese fa, mostrano i container del Campo Base Expo.

Roberto Maroni: Abbiamo l’OK della Protezione civile Italiana

La vicenda è iniziata ieri con un post su Facebook e un comunicato stampa da parte del presidente della giunta della lombardia Roberto Maroni. “Idea: perchè non mettere a disposizione il Campo Base di Expo per ospitare gli sfollati del terremoto? Mi pare una destinazione idonea, invece che farci un campo ‘profughi’. Possiamo ospitare qui chi è stato colpito dal sisma oppure procedere rapidamente allo smontaggio e al rimontaggio delle strutture abitative nell’area colpita dal terremoto”. Il presidente della Regione Lombardia ha poi continuato informando di aver già fatto i passi necessari per concretizzare il progetto. “Ho chiesto al mio assessore Simona Bordonali di sentire la Protezione civile nazionale, che ha subito accolto la nostra idea con entusiasmo. Bene, partiamo subito”.

Simona Bordonali: i Moduli del Campo Base Expo andranno agli sfollati del terremoto

Culture digitali

Simona Bordonali si è attivata subito e, dopo nemmeno mezz’ora dalla pubblicazione della proposta di Maroni su Facebook, ha inviato un comunicato stampa. “I moduli abitativi dell’ex Campo base Expo saranno inviati nelle zone terremotate per ospitare gli sfollati. Il presidente Maroni mi ha chiesto di coordinare i lavori per concretizzare la sua idea e sto già organizzando incontri con il Dipartimento nazionale di Protezione civile e la società Expo. Il primo parere del Dipartimento è stato molto positivo. Questa soluzione potrebbe risolvere parecchie criticità”. Ha detto l’assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione della Regione Lombardia Simona Bordonali. “Nel periodo che servirà ad allestire questa cittadella siamo anche disposti ospitare le persone a Rho. Per le operazioni di smontaggio e installazione dei moduli abitativi coinvolgeremo i volontari lombardi di protezione civile”.

Interviene Giuseppe Sala stizzito. “Vuoi strumentalizzare”

A quanto pare, l’atto di sostegno ai terremotati di Regione Lombardia è andato di traverso al sindaco di Milano e della città metropolitana Giuseppe Sala, che accarezza l’idea di sistemare nel campo base di Rho i clandestini che stazionano a Milano. Quando ha sentito le parole di Roberto Maroni, Giuseppe Sala ha ribattuto sul suo profilo facebook: “Questo terremoto è un dramma da non strumentalizzare. La proposta di Maroni di utilizzare il campo base o i suoi moduli per gli sfollati del terribile terremoto sembra una delle tante dichiarazioni politiche che la Regione non ci fa mai mancare. Questa volta tentando anche una strumentalizzazione su una tragedia come quella che ha colpito il centro Italia”.

Culture digitali

“Consiglio a Maroni di verificare con la società Expo 2015 SpA, proprietaria del campo base, la fattibilità dello smontaggio e rimontaggio delle strutture abitative. In ogni caso Milano farà di tutto per essere vicina ai nostri connazionali colpiti da questo dramma”.  Sembra quasi che Giuseppe Sala, ex presidente di Expo, non voglia concedere i container ai terremotati per una sua ripicca politico personale nei confronti di Maroni. E’ ovvio che i container sono smontabili. C’è sempre stato un preciso accordo sulla loro smontabilità. Infatti avrebbero dovuto essere smontati e consegnati alla Protezione Civile subito dopo la chiusura di Expo. Com’è che adesso non si possono più smontare? Giuseppe Sala mente ora o mentiva prima?

Anche a Simona Bordonali è entrata una pulce nell’orecchio

Simona Bordonali oggi ha replicato immediatamente alle parole di Giuseppe Sala”Abbiamo inoltrato la documentazione (del campo base di Expo) al Dipartimento di Protezione civile per le valutazioni tecniche sia in ordine alla fattibilità che alla reinstallazione delle strutture stesse. Auspico pertanto che i passaggi formali che oggettivamente seguiranno anche in sede di collegio dei liquidatori della società Expo 2015 portino ad una valutazione positiva da parte dell’organo stesso con la decisione che queste strutture “vengano messe a disposizione della Protezione civile nazionale”. E’ così che si potrà garantire da subito un sostegno tangibile ed un rifugio per le persone colpite dal terremoto”.

Roberto Maroni sorpreso da Giuseppe Sala. Io però mica troppo

L’accusa di strumentalizzare il terremoto dando i 500 moduli abitativi ai terremotati non piace a Maroni. Ancora più di brutto stile è quell’accenno alla non smontabilità del campo base di Expo. Roberto Maroni però replica dicendosi sorpreso.  “Sono sorpreso dalle dichiarazioni del sindaco Sala. In un momento così drammatico dobbiamo lasciare da parte le polemiche e fare ogni sforzo per aiutare chi è stato colpito dal terremoto. Questo è il senso della mia proposta di mettere a disposizione il campo base Expo. Proposta che, per altro, e’ stata condivisa dalla Protezione civile nazionale e ha già riscontrato un largo consenso fra i cittadini. Intendo quindi procedere rapidamente in questa direzione per portare aiuto concreto a chi ha subito questa immane tragedia. L’assessore Bordonali si è già attivata con la società Expo e con tutti soggetti interessati affinchè l’intervento possa essere realizzato”.

Roberto Maroni si è detto sorpreso. Potrebbe essere  davvero sorpreso oppure avere usato un modo educato per dire quello che è passato per la testa di tanti.  Certo che Giuseppe Sala deve aver mandato un sacco di maledizioni ai terremotati. Hanno osato aver bisogno di aiuto proprio nel momento in cui lui pensava ancora di mandare al campo base di Expo i clandestini di Milano. Sala se ne faccia una ragione. E’ arrivato un terremoto e quel campo base serve ai terremotati. Faccia buon viso alla (sua) cattiva sorte e pensi concretamente a chi ha perso tutto.

La smontabilità del Campo Base Expo

Del campo base abbiamo una serie di fotografie e un video realizzato da Matteo Salvini nel momento in cui ha effettuato un sopralluogo. E’ comodità di avere un segretario federale, europarlamentare, che oltre che leghista è anche un giornalista. Il giorno del sopralluogo lo hanno dovuto far entrare nel Campo Base Expo perchè europarlamentare. Però hanno invitato i giornalisti ad attendere nella sala stampa. L’animo del giornalista di Matteo Salvini ha avuto la meglio su quella del politico, però. A lui dobbiamo la possibilità di aver visto in diretta un intero reportage sullo stato effettivo del container del campo base. Ne avevamo parlato lo scorso 8 luglio in Matteo Salvini al campo base di Expo.

La società Expo concede il campo base

Poco dopo le 15 di oggi è arrivata la risposta affermativa della società proprietaria del Campo base di Expo. Roberto Maroni ha immediatamente dato la notizia. “Sono molto soddisfatto che il collegio dei liquidatori della società Expo, subito coinvolto in merito, abbia condiviso la mia proposta di mettere a disposizione della Protezione civile nazionale il campo base. Ho già parlato con Fabrizio Curcio, capo della protezione civile nazionale, che mi ha ringraziato per questa iniziativa. Come ha iniziato a fare sin dalle prime ore dopo la tragedia, il sistema di protezione civile della Lombardia  continua ad essere a disposizione per dare un aiuto concreto a chi e’ stato colpito da questo immane dramma”.

Le foto del campo base di Expo

mensa
« 1 di 17 »

 

 

Ilaria Maria Preti
About Ilaria Maria Preti 2399 Articles
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Oltre che occuparmi di Cronaca Ossona, coordino la redazione di ZoomMilano.it, collaboro con Conlombardia.com e con alcune agenzie di stampa.

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Rispondi