Tredicenne romeno trova la morte nel canale Villoresi

ambulanza buscate ciclista

Busto Garolfo – Nuova morte per annegamento nel Canale Villoresi. Un ragazzino di 13 anni, romeno, che abitava a Dairago. Era entrato nel canale, per fare il bagno, ad Arconate. E’ stato trascinato dalla corrente per chilometri.

ambulanza2-324x237 Tredicenne romeno trova la morte nel canale Villoresi Piazza Litta Prima Pagina   Tragedia oggi pomeriggio. Un bambino di 13 anni è morto nel canale Villoresi. Questa volta a Busto Garolfo. Si tratta di un bambino romeno che abitava a Dairago. Il ragazzino era entrato nel canale Villoresi all’altezza di Arconate, per fare il bagno, è stato trascinato via dalla corrente. Non è stato in grado di resistere nè di nuotare.  I suoi amici hanno tentato di aiutarlo ma non ci sono riusciti. Chiamati i soccorsi, oltre all’ ambulanza si è alzato in volo anche un elicottero dei vigili del fuoco di Milano, per iniziare le ricerche dall’alto. Si pensava di dover cercare un cadavere. Era trascorso troppo tempo. Il corpo del ragazzino è stato avvistato a Busto Garolfo.

Non c’è stato nulla da fare

La squadra dei sommozzatori dei Vigili del fuoco è riuscita a raggiungerlo solo all’altezza del ponte di via per Casorezzo. Hanno utilizzato un gommone. In quel punto le sponde del Canale sono accessibili dalla pista ciclabile che lo costeggia. Quando è stato portato a riva, incredibilmente il ragazzino dava qualche segno di vita e i volontari della l’ambulanza giunta sul posto e i medici dell’auto medica hanno iniziato immediatamente le manovre per la rianimazione. Purtroppo inutilmente. Il tredicenne è morto prima ancora di essere trasportato in ospedale. Era piuttosto piccolo per la sua età. In un primo momento si è pensato avesse intorno ai 9 anni. Sul posto sin dall’inizio delle ricerche, anche i carabinieri della compagnia di Legnano, cui è toccato il difficile compito di accertare l’identità dei bambino.

Drammatico bilancio dei morti nelle acque lombarde

Diventa drammatico in questi giorni estivi il bilancio dei giovani e dei ragazzi che vanno a fare il bagno nel Ticino e nei canali. Nella stragrande maggioranza si tratta di stranieri che non ascoltano gli avvertimenti dati da chi conosce bene fiumi e canali dell’altomilanese. Il Ticino, nonostante la sua apparente calma, è un fiume pericoloso. Il Villoresi, costruito per l’irrigazione e non per far fare il bagno alla gente, lo è altrettanto. Le sponde ripide del canale, anche se mascherate dalla vegetazione, rendono difficilissima la risalita. La corrente è creata ad arte molto forte, perchè deve spingere l’acqua attraverso la rete di canali fino a Milano. Un conto è bagnarsi i piedi all’altezza dei lavatoi, nei canali secondari, altro conto è gettarsi nel centro del canale, quando è pieno.

Ilaria Maria Preti
About Ilaria Maria Preti 2375 Articles
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Oltre che occuparmi di Cronaca Ossona, coordino la redazione di ZoomMilano.it, collaboro con Conlombardia.com e con alcune agenzie di stampa.

Be the first to comment

Rispondi