Discarica. L’arroganza del PD e i Fatti di Regione Lombardia

cartina

Casorezzo – Parliamo sempre del progetto di discarica nella cava e del punto della situazione che è stato fatto lo scorso 27 luglio. L’arroganza della città metropolitana guidata dal PD e quanto farà Regione Lombardia.

cartina-324x238 Discarica. L'arroganza del PD e i Fatti di Regione Lombardia Piazza Litta (Ossona) Prima Pagina   L’assessore all’ambiente di Regione Lombardia Claudia Terzi (Lega Nord) aveva già scritto una lettera a Giuseppe Sala e alla giunta, in cui esprimeva tutte le perplessità riguardo alla concessione della Via al progetto Solter della  Discarica a Casorezzo. In questa lettera dava le risposte alle domande poste proprio da città metropolitana. L’arroganza di tecnici e politici della città metropolitana si è spinta, però, fino a non considerare minimamente le ragioni del No alla Via poste dalla Regione Lombardia, nella formulazione della Via, che diventa così oggetto i ricorso al Tar e al consiglio di Stato.

Regione Lombardia ha individuato 4 elementi per dire di NO alla discarica di Casorezzo

1) non ci sono i 50 metri previsti dal regolamento regionale fra una discarica e l’altra. La regione Lombardia ha precisato che i 50 metri sono escludenti, e se non ci sono non si può fare una nuova discarica. Nella foto la cartina che mostra una discarica degli anni ’90 proprio accanto a dove se ne vuole fare un’altra. Regione Lombardia ha chiarito che quei 50 metri precludono il permesso di istituire un’altra discarica in quella posizione
2) Non ci sono i 200 metri obbligatori previsti tra una discarica e il tessuto urbano. La regione è stata chiara. Nel regolamento i 200 metri vanno calcolati dalla recinzione più esterna dell’impianto. dalla recinzione alle case ci sono 108 metri.
3) La discarica di

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 2673 Articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio RPL