Scippi e furti in appartamento. Finita la tregua

targa clonata
Nel 2016 questa targa era stata clonata. Ora potrebbe essere stata regolarizzata

Ossona  –  Solo una settimana di tregua per Ossona dopo l’allontanamento del gruppo di zingari di via 24 maggio. I furti sono ripresi oggi con due episodi particolarmente odiosi. Intanto Ossona sicura segnala un’altra targa.

targa-324x216 Scippi e furti in appartamento. Finita la tregua Piazza Litta Prima Pagina Un caso di scippo è stato segnalato alle 18, in via 4 novembre dove una donna anziana che tornava dalla Messa pomeridiana con la figlia, è stata scippata della catenina. Lo zingaro, perchè ancora di un esemplare di tale etnia si trattava, è stato rincorso dalla figlia fino alla via padre Giuliani dove, davanti al negozio di prodotti agricoli lo aspettava un complice in automobile, con il quale il delinquente è scappato in direzione di Casorezzo. Passando dalla piazza l’automobile è stata vista da alcune persone. Il secondo episodio è stato ancora più odioso. Queste brutte e vili persone sono entrate nella casa di una famiglia che era stata già visitata dai ladri e quindi non aveva più niente di prezioso.

 Hanno rubato da chi ormai non aveva più nulla, i bastardi

In mancanza di meglio hanno rubato vestiti, federe e lenzuola. Hanno svuotato direttamente una cassettiera. Fortunatamente non hanno fatto male al cagnolino che era in casa. Lo hanno chiuso fuori mentre le vere belve compivano il loro misfatto.  I ladri hanno colpito in via Emilia, una traversa di viale Europa che da sui campi. Sicuramente sono passati a piedi attraverso i campi partendo dalla tangenziale che corre alle spalle del cimitero. Quelle belve hanno rotto il vetro della cameretta di una bimba di sei anni,  che ora è spaventatissima. Speriamo che tutte le maledizioni che la gente onesta sta riversando su di loro arrivino a destinazione.

 Un’altra targa di una automobile non assicurata

Sono nella scorsa settimana il gruppo di Ossona Sicura era riuscito a intercettare alcune automobili di ladri e truffatori dalle targhe clonate e non assicurate e le aveva segnalate alle forze dell’ordine. Passato qualche giorno, per dar tempo alla giustizia di fare quanto doveva,  ce le ha passate perchè le si pubblicasse online.  Il concetto è questo. Praticamente il 90% delle automobili che viaggiano non assicurate o hanno la targa clonata oppure sono appena state rubate. Difatti i derubati bloccano l’assicurazione prima ancora di fare la denuncia alle forze dell’ordine. In molti casi, si tratta di targhe clonate. Cioè di una targa d’automobile di cui esistono molte versioni che sono applicate a diverse autoveicoli. In questo caso le automobili non possono essere assicurate perchè l’assicurazione di accorgerebbe immediatamente della truffa.

Culture digitali

Per cui, pubblicando su internet queste targhe non bruciamo una solo dei numeri in possesso di  questi delinquenti, ma molti. Ecco perchè, oggi, pubblichiamo il numero di targa di un’audi grigia 4000 di cilindrata che è stata avvistata la settimana scorsa sul territorio tra Arluno e Santo Stefano Ticino, sulla via per Turbigo in direzione Ossona, più o meno all’altezza del ristorante delle Cave. A bordo, diversi zingari che parlamentavano con il proprietario di un’altra auto, che però sembrava in regola. Speriamo che le forze dell’ordine l’abbiano già individuata. Nel caso non l’abbiano ancora fatto e vedete in giro la targa BL402ZB che sia su un’audi o su qualsiasi altra automobile, chiamate immediatamente il 112 per la segnalazione.

Ilaria Maria Preti
About Ilaria Maria Preti 2399 Articles
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Oltre che occuparmi di Cronaca Ossona, coordino la redazione di ZoomMilano.it, collaboro con Conlombardia.com e con alcune agenzie di stampa.

Repliche, rettifiche, commenti e risposte

Rispondi