Ossona Sicura e Tutti per uno contro i furti in paese

tutti per uno facebook whats app

Ossona – A Ossona il gran numero di furti ha  mosso gli abitanti che si sono organizzati. Ossona sicura la conoscete già. Ora però c’è l’organizzazione dei “giri”, delle passeggiate con smartphone a portata di mano. C’è la chat Tutti per uno. Di notte e di giorno, in vari orari, sempre diversi, un gruppo formato da circa 30 persone, liberi cittadini senza nessun tipo di segno di riconoscimento gira per il paese, per superare questa estate davvero calda.

tuttiperuno-1-324x323 Ossona Sicura e Tutti per uno contro i furti in paese Piazza Litta Prima Pagina   Lo scopo è quello di rendere i furti il più difficili possibile, osservando controllando legalmente,  le targhe delle automobili, e passandosi messaggi e informazioni. Si appoggiano a un gruppo whatsapp e a uno su Facebook. Sul gruppo Facebook, postano gli allarmi e le notizie di furti e truffe. Sul gruppo di whats app, si coordinano per prestare un occhio in più per segnalare la presenza di facce o automobili sospette, per chiamarsi nel caso di bisogno di aiuto.
Sul gruppo di Facebook Ossona sicura c’è anche l’annuncio per la ricerca di volontari. Ecco cosa dice: “un gruppo di residenti a Ossona ha deciso di iniziare con dei giri per il paese. Per ora si è circa una trentina e si vuol migliorare quello che già sta facendo da più di un anno. Causa momento di ferie chiediamo se c’è qualcun’altro che vuole aggregarsi.”
.

Cosa fanno i volontari di Ossona sicura

Non è nulla di particolare. Si tratta solo di coordinarsi. Sembra complicato, ma in realtà non lo è affatto. E’ quello che si fa di solito, nella propria vita, solo che lo si fa dandosi una mano, con altri, per superare l’estate senza troppi furti. Ed ecco cosa vien chiesto di fare ai volontari per i giri in paese:  scegliere un orario e una zona di Ossona in cui si fa normalmente una passeggiata; comunicarlo nella chat di whatsapp;  avere l’app (gratuita e legale) del 112 per il controllo delle targhe delle automobili  sullo smartphone. Così si può individuare quelle rubate e quelle con la targa clonata; avere l’app gratuita Where are You del 112 per facilitare le chiamate alle forze dell’ordine; tenere il gps acceso (durante la passeggiata); fermarsi a parlare facilmente con la gente in modo da raccogliere informazioni su quello che accade normalmente in zona. Lasciare il proprio numero di telefono agli anziani o chi abita sul percorso scelto.

Prendere nota di punti che possono essere utilizzati dai ladri, di problemi di illuminazione, di tutto quello che vi sembra non a posto o che può aiutare i ladri (cancelli e porte lasciate aperte, case di persone in vacanza o altro). Se si vede qualcosa di sospetto: fotografare con lo smartphone e controllare la targa dell’auto, o inviare foto al gruppo whats app per il controllo; se intanto che si osserva il sospetto diventa certezza, mantenere una distanza di sicurezza dai ladri, urlate in modo da disturbarli, se si riesce fotografarli. Chiamare il 112 immediatamente. La telefonata è registrata e se avete la app Where are you con il gps acceso vi localizzano; seguire le istruzioni dell’operatore. Infine mandare l’avviso alla chat per essere raggiunti da altri intanto che arrivano le forze dell’ordine.

Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti 2545 Articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera.