Mondiali di calcio di Abcasia: Padania – Cipro del Nord

Abcasia – Quarto posto per la Padania alla Coppa del Mondo di calcio Conifa delle Nazioni senza Stato . Un miglioramento sulla classificazione internazionale ma i rossocrociati hanno dovuto abbandonare il sogno di portare a casa la coppa nata in Insubria.

padania cipro del nordNon c’è che dire, la sconfitta nella partita con il Panjab li ha feriti ma i giocatori della Padania sono scesi in campo con Cipro del Nord domenica  5 giugno 2016 cercadano di concludere al meglio il campionato. In Lombardia, in Veneto, in Piemonte e nelle altre regioni si andava al voto e mente qui si conduceva una battaglia difficile, gli uomini di mister Merlo, la sui campi di Abcasia cercavano di vincerne un’altra altrettando difficile: quella per ottenere il terzo posto ai mondiali di calcio Conifa delle nazioni senza stato. Si sono classificati, hanno migliorato la loro posizione internazionale (negli scorsi mondiali del 2012 si erano fermati ai quarti di finale) e nonostante i tanti problemi organizzativi, la rosa di giocatori ristretta, e le assenze prestigiose, possono dirsi soddisfatti. Manca la gioia si poter disputare la finale davanti a quel pubblico, quei 10mila spettatori paganti che la sera del 5 giugno attendevano di conoscere chi avrebbe portato a casa la coppa del Mondo. Cipro del Nord aveva le stesse ambizioni, quel terzo posto sul podio, ed è stata quindi una partita durissima. Alla Padania rimane da prepararsi a difendere il titolo di campione d’Europa. Il 30 settembre 2016 si conoscerà la data e il luogo in cui Conifa organizzerà i prossimi campionati Europei.

La Cronaca di Padania – Cipro del Nord

Iniziamo ringraziando ancora Christian Nisticò per il servizio reso dai campi dell’Abcasia, con linvio delle sue precise cronache, che ci permettono di lasciare una testimonianza di questi momenti emozionanti. Padania e Cipro si affrontano come se avessero deciso di stabilire immediatamente i rapporti di superiorità.i primi quindici minuti sono stressanti e portano all’ammonizione di Farina al 15’. Cipro del Nord sfiora la rete al 19′ con un calcio da 20 metri. Il portiere della Padania, Dall’Omo, riesce a deviare sul palo. Al 20′  la Padania ci prova e sfiora il goal su cross e seguente colpo di testa in area di rigore. Nulla di fatto ma un minuto dopo anche la controffensiva di Cipro del Nord fallisce in un confronto personale con il portiere Dall’Omo. Al 25′ i ciprioti di riprovano con un calcio sulla luna distanza fermato da Dall’Omo che con una acrobazia devia in un angolo. La palla torna alla Padania che, al 25′,  in un duetto fra Farina, che esegue un colpo di testa, e Pizzola ritorna ad essere pericolosa. L’ azione però finisce di lato. Al 35’ Mercorillo parte con un’azione diagonale dalla sinistra, il portiere non c’è ma prende il palo. Ci riprova di ribattuta Mazzocca, ma sbaglia. Non mancano distrazioni e imprevisti, come la presenza sopra il campo di un elicottero negli ultimi dieci minuti del primo tempo. Al 45 altra occasione persa per la Padania. Controllo splendido ma conclusione alta di Mazzocca, poi nuovo episodio di nervossismo e Pizzolla è ammonito per proteste.
Si riparte con il secondo tempo. Entra il giovane portiere Zarri che sostituisce Dall’Omo. Al 49′ arriva la Padania subisce il gioco di Cipro del Nord che va in vantaggio con un cross basso. Padania 0 Cipro del Nord 1. Al 63′ i ciprioti ci riprovano, ma sono fermati. Al 69′ mister Merlo tenta il tutto per tutto: Rosset e Mosti sostituiscono  Mazzocca e Pizzolla, ma non basta. Al 78′ Cipro del Nord raddoppia con un azione da manuale. Padania – Cipro del Nord 0-2. La Padania tenta qualche azione ma il 90 minuti è raggiunto senza risultati. Un peccato.

Fabio Cerini, Presidente Padania FA

“I nostri avversari hanno dimostrato la propria superiorità in campo. Abbiamo giocato bene, ma non è stato sufficiente. Noi siamo comunque orgogliosi del nostro torneo: torniamo in Padania per pensare alla prossima rassegna e difendere il titolo di Campioni d’Europa ConIFA.”
Grandi in ogni caso. Grazie di esistere, Padania.

Ilaria Maria Preti
Chi sono Ilaria Maria Preti 2336 articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.