Magliette rosse tutti per Fabio a Corbetta

Corbetta – Il prossimo 11 giugno in Villa Pagani si terrà un corso per le scuole di Bls-D organizzato dall’associazione Tutti per Fabio. insegneranno a salvare le vite.

tutti per fabio daeSaper usare i defibrillatori cardiaci i Dae che negli ultimi mesi sono messi a disposizione del pubblico è diventata una priorità. Essere testimoni del malore improvviso di un proprio caro o di uno conocuto, avere a disposizione un Dae e non poterlo usare perché non si sa come fare è una tragedia nella tragedia. Così l’associazione Tutti per Fabio ha dato vita al progetto scuole, che si svolge all’interno dei progetti finanziati con i fondi del diritto allo studio nelle scuole dei comuni Magenta, Corbetta (MI), Ozzero (MI) e Abbiategrasso (MI). Il progetto coinvolge i bambini e le classi dalla terza elementare in su, fino alle scuole superiori. L’istituto comprensivo di Vittuone è stato il primo ad  adttattare il progetto scolastico, lo scorso anno e ora l’associazione vuole continuare coinvolgendo più scuole possibile. L’idea è quella di portare la cultura del soccorso nel luogo dove si forma l’educazione e la sapienza di bambini e giovani, cui appartiene il futuro, di seminare la cultura del soccorso e farla poi crescere, in modo che figli e nipoti possano raccoglierne i frutti.

“Per l’11 giugno è stato organizzato in villa Pagani di Corbetta questo grande evento pe formare più di 180 addetti scolastici tra insegnanti, bidelli e amministrativi delle scuole di Corbetta, Magenta e Vittuone.
Un “grande” evento reso possibile anche da sponsor che hanno creduto in questo un’occasione resa possibile anche dagli sponsor che hanno deciso di aiutarci” dicono dall’associazione. Tutti per Fabio è un’associazione onlus nata nel 2012 con lo scopo di sensibilizzare sull’importanza della defibrillazione precoce e della cultura di primo soccorso cardiopolmonare. Ha sede a Corbetta via Don Sturzo n.1 ed è stata dedicata a Fabio Gaggino, portiere 36enne di Corbetta che giocava spesso in tornei amatoriali. Nel marzo del 2010 morì sul campo prima dell’inizio di una partita di torneo. Se allora ci fossero stati i Dae, forse si sarebbe salvato.

Ilaria Maria Preti
Chi sono Ilaria Maria Preti 2336 articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.