Clandestini si ribellano a Magenta. Parla la Lega Nord

Magenta – I clandestini che dopo quasi due anni ancora oggi sono ospiti nell’edificio della Vincenziana, in via Casati, hanno creato problemi questa settimana. Interviene Fabrizio Cecchetti (Lega Nord).

vincenziana MagentaAncora una volta i clandestini che si trovano all’interno dell’edificio dell’opera Vicenziana hanno creato problemi. lo corso 22 aprile i carabinieri si erano recati all’interno della struttura per arrestare un “richiedente asilo”, accusato di aver compiuto dei furti, ma hanno dovuto scontrarsi con gli immigrati. Per arrestare il nigeriano accusato di furto si è ribellato all’arresto e  una decina di pattuglie dei carabinieri hanno dovuto intervenire perchè intervenuti perchè all’interno dell’edificio gli immigrati si erano ribellati. I clandestini, tali sono fino a che non può essere riconosciuto il loro status di rifugiati per motivi politici e umanitari, si sono ribellati  hanno fatto resistenza alle forse dell’ordine. Solo verso sera i carabinieri sono riusciti a risolvere la situazione, arrestare il nigeriano e consegnarlo ai soccorritori della Croce Bianca perchè, nel fare il pirla si era anche fatto male. l’uomo è stato protato in ospedale e poi, una volta medicato in questura. La scena, come risulta anche dalla foto di corrierealtomilanese.com, è stata impressionante. Attualmente alla Vicenziana di Magenta risiedono circa 100 clandestini.

Oggi con un comunicato stampa Il vicepresidente del consiglio di regione Lombardia, Fabrizio Cecchetti, ha commentato gli incidenti. “Gli scontri registrati alla Vincenziana di Magenta da parte di extracomunitari sono la prova che il fenomeno non è per niente gestito ma lasciato al pressappochismo assoluto. Chi arriva senza la condizione di rifugiato e non scappa dalla guerra deve essere rimpatriato subito, altro che accoglienza a lungo termine. Si lamentano per il vitto e chiedono, pretendono, un lavoro. Questo è il risultato di scellerate politiche buoniste che sono fallite perché il fenomeno, anziché essere regolato, è esploso e sta diventando ingovernabile. Complice anche la politica estera di questo governo che non riesce a farsi sentire dai partner europei, tutti allineati alla signora Merkel che continua ad imporre alla Ue idee e politiche che – basta vedere le ricette applicate in campo economico – stanno trascinando il vecchio continente nel baratro”.
Uno spunto locale per commentare un dato di fatto generale, cioè che non si può più andare avanti in questo modo. Della vicenda della Opera vicenziana si era già parlato parecchio e vi sono state numerose prese di posizione da parte dei partiti e dei gruppi culturali di Magenta. Ecco alcune articoli per ricordare la vicenda e dai quali si può risalire all’ntra sotria degli ultimi due anni: Alla vicenziana di Magenta c’è il caos e Salvaggio fa l’islamico, Magenta, Invernizzi: uno dei clandestini ha la Tubercolosi, Magenta, Invernizzi: Tubercolosi e allarmismo Facebook.

Ilaria Maria Preti
Chi sono Ilaria Maria Preti 2342 articoli
Giornalista per metà milanese e per metà mantovana. Ho iniziato a scrivere da adolescente sul giornalino della parrocchia. Tra 1977 e il 1982 circa ho collaborato con una delle primissime televisioni private, Tvci, cosa che mi ha fatto entrare nella storia della televisione, quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Dal 2000 sono uno speaker di Radio Padania libera. Lavoro come Web Content Specialist per varie testate giornalistiche e blog. Oltre a cronaca Ossona, mi occupo della redazione di Zoom Milano (Zoommilano.it) e conduco l'ufficio stampa di Conflavoro Pmi Milano (conflavoro.mi.it). Ho scritto di politica, cronaca, turismo, ma anche di edilizia, tasse, assicurazioni, e persino di calcio.

Commenti e Diritto di replica

Rispondi